fbpx

Magnesi infiamma Roma, Awuku dice “No Mas”

Michael Magnesi (16-0-0, 8KO) infiamma ancora una volta Roma dominando l’ex sfidante al titolo mondiale Maxwell Awuku (46-5-1, 37KO). Dopo i problemi sul peso del pugile africano, che ha registrato 5 kg in più del peso limite, è stato rimosso il titolo WBC international silver dei super piuma, che doveva essere messo in palio. Il giovane pugile nato a Palestrina, aveva conquistato il titolo minore della WBC il 21 giugno 2019 quando vinse per KO alla decima ripresa contro Emanuel Lopez (30-11-1).

Il pugile ghanese, dopo il suo mondiale perso per TKO alla terza ripresa nel febbraio 2018 contro Miguel Berchelt, ha disputato due incontri vincendoli entrambi prima del limite. Due match con due avversari modesti, che hanno segnato il suo ritorno sul ring, con un solo match nel 2019.

Questa sera alla Ragusa Off di Roma, Michael Magnesi parte con il piede sull’acceleratore, accorcia subito la distanza e schiaccia il suo avversario all’angolo bersagliandolo di colpi devastanti atti a fiaccare la resistenza. Nelle prime tre riprese Maxwell Awuku subisce rimanendo immobile all’angolo subendo ogni singolo colpo immobile, chiuso nella guardia. L’altezza del pugile ghanese viene vanificata dall’ottimo ritmo di Magnesi che porta il match alla corta distanza, in un quarto round con un ritmo asfissiante. Quinta e sesta ripresa sono un copione già scritto, Awuku subisce un conteggio e sembra impossibilitato ad opporre una resistenza. Così il pugile ghanese rinuncia ad iniziare la settima, abbandonando alla contesa, ritenendo l’infortunio alla spalla sinistra troppo fastidioso per continuare l’incontro.

Magnesi si dimostra ancora una volta un profilo notevole del pugilato italiano. Domina con una prestazione fisica veramente spaventosa, 6 round ad un ritmo asfissiante con un numero di colpi impressionanti. Un notevole test match, anche se il suo avversario ha tenuto sul ring un atteggiamento molto passivo sul ring. Sicuramente il pugile di Cave, con il supporto di Davide Buccioni, proverà ad ottenere la sua chance europea, visto che risiede stabilmente al quarto posto della classifica EBU.

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X