fbpx

Ortiz pronto a tornare a novembre: “Affronterò chiunque, mi sento come un 35enne!”

L’ex sfidante al titolo mondiale dei pesi massimi, il cubano Luis “King Kong” Ortiz (31-2, 26KO) è desideroso di tornare a combattere di nuovo sul ring. Il 41enne nativo di Camaguey non combatte dal 23 novembre 2011: in quell’occasione, infatti, Ortiz venne sconfitto per la seconda volta prima del limite da Deontay “The Bronze Bomber” Wilder, all’epoca campione mondiale per la sigla WBC.

Adesso Luis Ortiz spera di tornare ad indossare i guantoni il 7 novembre al Microsoft Theatre di Los Angeles, in un evento che andrà in onda su FOX. Dopo la sconfitta con Wilder, il King Kong cubano si era preso un paio di settimane di pausa prima di tornare in palestra ed era pronto a combattere a marzo, prima dell’avvento del Covid-19.

Per Ortiz la vita è sempre stata una sfida: la sua figlia primogenita Lismercedes è affetta da epidermolisi bollosa della pelle, una malattia rara che provoca vesciche e ustioni al minimo contatto. Circa una decina di anni fa, il cubano decise di lasciare la sua amata isola per recarsi negli Stati Uniti, con il chiaro obiettivo di cercare cure migliori per la figlia.

In un momento come questo, considerato che non poteva recarsi a Miami per allenarsi, Ortiz si è fatto costruire una palestra a casa sua, avvalendosi dell’aiuto di un falegname.

Non ho smesso di allenarmi nemmeno nel momento peggiore della pandemia, quindi mi sento benissimo – ha dichiarato Ortizmi sono sempre impegnato duramente in fase di preparazione. Non mentirò, ho vissuto dei momenti di paura perché ho una figlia malata che grazie a Dio è entrata in una clinica per un nuovo trattamento. Dovevo essere molto intelligente nel bilanciare gli allenamenti e l’assistenza sanitaria a mia figlia.

Questo è il mio lavoro ed è così che permetto alla mia famiglia di mangiare. Senza lavoro non si può vivere, ma nel mio caso, la boxe è anche tutto ciò che amo, è la mia passione, e non vedo l’ora di rimettermi i guantoni. Sono pronto per qualunque sfida. Non mi interessano i nomi né il livello dei mie avversari. Affronterò chiunque avesse il desiderio di sfidarmi“.

King Kong ha dichiarato di essere ringiovanito in seguito al lockdown, tanto da sentirsi forte come un 35enne: “Mi sento come se avessi 35 anni. Sono in condizioni ottime e penso che, questo periodo di pausa sia arrivato al momento giusto. Mi ha ringiovanito e ha permesso al mio corpo di riprendersi da tutti i problemi. Tutto questo mi dà entusiasmo per ciò che potrebbe accadere tra non molto. Per prima cosa a novembre ottenere una vittoria per ko per aspettarmi poi cose migliori nel 2021. Tutti devono sapere che sono ancora attivo e che devono tenere conto di me“.

Il “King Kong” dall’animo nobile: Luis Ortiz e la sua battaglia personale

Condividi su:
  • 165
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X