fbpx

Lorusso vs Gallo: I risultati della serata di Brescia.

Dopo la crisi del Covid-19, e la conseguente lunga interruzione delle attività sportive, Mario Loreni è riuscito a mettere in scena il titolo italiano dei pesi super gallo tra Alessio Lorusso e Iuliano Gallo al Centro Sportivo Mario Rigamonti, in provincia di Brescia, in diretta su Rai Sport. Una sfida che si preannunciava interessante per entrambi.

Alessio Lorusso, seguito dal maestro Vincenzo Gigliotti, provava a riconfermarsi campione dopo l’ottima vittoria su Jacopo Lusci, che lo scorso novembre gli ha permesso di fregiarsi del titolo di categoria. Il pugile lombardo sotto la nuova guida sembra aver trovato una nuova dimensione, raccogliendo ben cinque vittorie nei suoi ultimi cinque combattimenti. Trionfi che gli hanno permesso prima la vittoria del torneo WBC-FPI imponendosi in finale contro Christopher Mondongo e poi la già citata conquista del titolo nazionale.

All’angolo opposto il solido Iuliano Gallo, già campione italiano nel 2018 e poi sfidante al titolo dell’Unione Europea. Dopo l’ottimo match con Luca Rigoldi del 2016, il pugile di Binago, guidato da Augusto Lauri, era diventato campione italiano battendo prima del limite Vittorio Parrinello e poi aveva difeso il titolo contro Daniele Limone. La successiva sconfitta in occasione del tentativo di accaparrarsi la cintura EBU-EU contro il francese Terry Le Couviour era stata fortemente condizionata da un doppio infortunio alle mani.

Inevitabilmente dopo la lunghissima sosta i due pugili sono partiti abbastanza contratti. Lorusso esibiva un atteggiamento di attesa, approfittando del superiore allungo per mettere i suoi colpi di rimessa, mentre Gallo cercava la corta distanza esercitando molta pressione. L’incontro si è infiammato alla quarta ripresa, quando un colpo d’incontro ha irrigidito le gambe di Gallo che è finito al tappeto dopo una scarica di colpi devastante di Lorusso.

Il pugile seguito da Lauri è riuscito a riprendersi dopo il knowdown, complice un momento di stasi del suo avversario, terminando la frazione. Lorusso, forte del vantaggio accumulato, ha iniziato a gestire il match e a recuperare dalla dispendiosa quarta ripresa, sfoggiando il suo maggiore livello tecnico. Il pugile lombardo, che segue sempre con diligenza i suggerimenti del suo angolo, gestiva la distanza, piazzando colpi precisi d’incontro e facendo sfoggio di un’estrema sicurezza, nonostante si trovasse di fronte a un avversario un po’ più esperto di lui.

Al termine della decima ripresa i cartellini hanno avvalorato in pieno l’impressione avuta da chi vi scrive confermando Alessio Lorusso campione italiano con un ampio margine (99-90, 98-91, 98-91) per l’atleta guidato da Vincenzo Gigliotti: una grandissima prova di maturità che lo candida a una nuova chance internazionale, magari per una posizione nel ranking EBU.

Nella serata meritano una menzione e una lode i giovani Giovanni Rossetti, che si è sbarazzato in una ripresa di Christian Bozzoni, e Yassin Hermi, che ha fatto il suo ingresso nel professionismo battendo Danilo Cioce. Due giovani emergenti che hanno dato spettacolo e che lasciano ben sperare per il futuro del pugilato italiano. Durante la serata hanno trionfato anche Fabio Renna, che si è imposto ai punti contro Matija Petrinic, Simone Brusa, che ha vinto su Marco Miano, e Stiven Leonetti Dredhaj che ha dominato Mario Katic.

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X