fbpx

Lomachenko torna sul ring a giugno: confermato il match contro Nakatani

Vasiliy Lomachenko si prepara a tornare sul ring. Vedremo l’ex campione del mondo impegnato il prossimo 26 giugno a Las Vegas contro il pugile giapponese Masayoshi Nakatani, come era stato preannunciato qualche mese fa. Ad ospitare l’incontro sarà il Virgin Hotels e la rete televisiva ESPN+, lo stesso posto che vedrà a maggio battersi per la riunificazione delle cinture dei superleggeri Jose Carlos Ramirez e Josh Taylor.

Saranno passati otto mesi nel frattempo da quel fatidico 17 ottobre, dalla notte in cui è arrivata la prima sconfitta sullo score dell’ucraino dopo sei anni: il Takeover di Brooklyn Teofimo Lopez, detentore già del titolo IBF, ha battuto per decisione unanime un opaco Lomachenko portandogli via i propri titoli WBA, WBO e WBC “franchise”. Una battuta d’arresto che il 33enne di Bilhorod ha mal digerito.

Tuttavia, a parte lo spropositato cartellino della giudice Julie Lederman che ha recitato 119 a 109 in favore di Lopez, il risultato è stato piuttosto conforme a quanto visto sul ring: Lomachenko non era il solito Lomachenko. Hi-tech è entrato nel match troppo tardi, guadagnando terreno solo nella seconda metà del match, ma non facendo abbastanza per farsi preferire al termine delle canoniche dodici riprese.

Tre giorni dopo l’incontro, le persone a lui vicine, hanno dichiarato che Lomachenko ha dovuto subire un intervento alla spalla destra poichè durante l’incontro ha rimediato la rottura del labbro glenoideo. La spalla era la stessa che si era infortunata nel 2018 durante il match contro Jorge Linares e già durante la preparazione della sfida contro Lopez Vasiliy aveva avvertito del dolore tanto da dover ricorrere ad una terapia per poter proseguire il training camp.

Probailmente questo è stato l’aspetto che ha condizionato maggiormente la sua performance, ma se così è stato lo capiremo al suo ritorno. L’avversario con cui ha scelto di combattere per il rientro non è un avversario morbido e potrà costituire un buon banco di prova. Nakatani è reduce da una strepitosa vittoria prima del limite contro il talentuoso portoricano Felix Verdejo, in quello che per molti è stato tra il migliori match del 2020. Prima di essa ha subito sì la sua unica sconfitta in carriera per mano di Teofimo Lopez, ma è stato uno dei pochi che lo ha impegnato fino al dodicesimo round.

Haney: “Dovrei dare una possibilità a Lomachenko? Si comportava come se non esistessi!”

 

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X