fbpx

L’odissea di Domenico Valentino. Adesso gli rubano anche la pagina Facebook!

L’essere Campione del Mondo, anche se tra i dilettanti, deve facilitarti l’apertura delle porta al mondo del professionismo. Invece Domenico Valentino subisce tutta la crisi del pugilato professionistico Italiano. Non riesce in nessun modo a combattere per il titolo Italiano. E per di più da qualche mese è stato vittima di un furto informatico. Il suo profilo personale Facebook è stato appunto hackerato e di conseguenza anche la sua pagina ufficiale.

A Milano abbiamo gioito e pianto insieme a lui, e Roberto Cammarelle. Poi tante altre gioie e bei momenti: un altra partecipazione alle Olimpiadi, medaglie agli Europei, e ancora altre medaglie Mondiali. Poi la decisone di passare professionista, subendo anche la decisione di non essere appoggiato delle Fiamme Oro. 

 

Con il nuovo regolamento, Domenico Valentino avrebbe potuto combattere per il titolo Italiano, paradossalmente, già al primo incontro da professionista. Ma ha deciso di testare le proprie capacità con un test-match al suo esordio ufficiale nel maggio dello scorso anno. Davide Calì, sulla media distanza, è stato un test più che impegnativo, complice anche il lungo periodo di inattività (che per un pugile dilettante non può andare oltre i due mesi). Poi in Ottobre, dopo il forfait di Festosi per problemi fisici, aveva assaggiato l’ipotesi di poter sfidare Pasquale Di Silvio per il titolo Italiano dei pesi leggeri, ma per gli organizzatori Francesco Invernizio era più accreditato di lui. Quindi nella serata di Pordenone è stato derby fuori-porta con Francesco Acatullo. Successivamente, Di Silvio ha lasciato il titolo vacante dopo essere stato designato co-sfidante al titolo EBU EU dei leggeri. Dopo un mese circa, Valentino è stato nominato co-sfidante al vacante titolo Italiano. L’altro sfidante è, manco a farlo a  posta Davide Festosi. Ma negli ultimi aggiornamenti, e nemmeno nella scorsa circolare della FPI, per questo titolo non compare nessuna data e ancora nessuna asta, al punto che il pugile di Marcianise ha deciso di scendere in campo in prima persona e cercare di portare a termine una vera e propria impresa.

Da un mese a questa parte, Valentino è stato anche vittima di un furto informatico. Un hacker ha attaccato il suo profilo personale di facebook; quello con il quale gestiva le relazioni con gli sponsor e soprattutto quello con cui gestiva la propria pagina ufficiale. Undicimila followers, si sono ritrovati a non avere più informazioni su di lui da un giorno all’altro, e qualche giorno fa hanno visto modificare anche il nome della pagina. Come se non bastasse l’hacker ha iniziato a rimuovere post, foto e video.

Al giorno d’oggi, avere una immagine social, per uno sportivo è essenziale. Gli Sponsor valutano la caratura dei follower prima di assicurare un supporto. Gli utilizzatori finali, usano le pagine per avere informazioni sul percorso sportivo e della vita. Su questi punti Mirko è attivo al 100%: cura con dedizione i rapporti con i followers e quelli con gli sponsor. Ieri, dopo aver dovuto creare un nuovo profilo, l’ultimo appello di Valentino ai propri amici per cercare di fermare questo attacco e per cercare di riottenere la propria immagine social. E nelle prossime ore affiderà le proprie speranze anche alla Polizia Postale, con una denuncia per hackeraggio.

In ogni caso, Domenico Valentino ha promesso alla redazione di Boxe-Mania di tornare con una bella novità. Intanto noi gli auguriamo una buona fortuna, sia per il titolo Italiano, sia di poter recuperare la sua pagina Facebook.

Condividi su:
  • 94
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X