fbpx

Lester Martinez, all’esordio, batte Ricardo Mayorga in 2 round.

Condividi su:
  • 28
  •  
  •  

Ricardo Mayorga affermava che sarebbe stata una passeggiata affrontare il giovane esordiente  Lester Martinez. Invece l’ex-campione dei pesi welter ha subito la sua terza sconfitta di fila, ancora una volta per KO. In questo caso per fermare El Matador spegnendo le sue resistenze e costringendolo alla resa sono bastate solo due riprese. Mayorga, stretto alle corde, ha subito una moltitudine di colpi che lo hanno lentamente piegato.

Martinez godeva di un notevole vantaggio in altezza oltre ad essere nettamente più giovane del rivale dato che Mayorga ha letteralmente il doppio dei suoi anni. Il veterano picchiatore aveva condito questo suo ritorno sul ring con il suo solito trash talking,  addirittura promettendo di “tornare in Nicaragua a piedi” se avesse perso.

Martinez non ha mai mostrato alcun timore reverenziale nei confronti dell’ex campione. Infatti ha condotto il match in maniera propositiva, andando sempre avanti ed esplodendo il destro ogni qual volta l’avversario esponeva il mento. Mayorga è riuscito a schivare alcuni dei colpi caricati del rivale nel corso del primo di parte del secondo round, ma ben presto non è riuscito a reggere i ritmi che Martinez ha imposto al combattimento.

Il vincitore, dopo aver abbracciato i suoi genitori, appena sceso dal ring ha dichiarato: “Prima del match ero molto nervoso, ma sapevo che l’ottima preparazione svolta mi avrebbe ripagato, ora devo continuare ad allenarmi. Sono felice di aver ottenuto questa prima vittoria, mi sono preparato nel miglior modo possibile e grazie a Dio sono riuscito a raggiungere il mio obiettivo: la vittoria dedicata a tutto il Guatemala”.

La storia di Mayorga impatta dunque contro una nuova battuta d’arresto. Il tempo purtroppo scorre inesorabile e quello che un tempo era un vero spauracchio della categoria dei welter oggi non sembra davvero avere nulla più da dare allo sport del pugilato. Purtroppo MEl Matador non riesce a dire basta e a lasciare il ring.

 

Supportaci :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X