Lebedev vince al Casinò di Montecarlo, Hunter premiato dall’all in

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  

Nell’incantevole cornice del casinò di Montecarlo, Lebedev tenta il rilancio della sua carriera, mentre il connazionale Ustinov affonda contro un sorprendente Michael Hunter. Da sottolineare anche la vittoria in scioltezza di Yafai, che si conferma campione mondiale supermosca WBA.

Lebedev vince in tranquillità contro il semisconosciuto Wilson, che si presentava da imbattuto. L’americano, però, si dimostra ben poca cosa: dopo un buon inizio a forza di jabs, il russo prende le misure e il match trascorre senza sussulti verso una vittoria schiacciante. Lebedev dimostra ancora di avere classe da vendere, ma il fatto che non abbia forzato il ko contro un avversario di livello basso come Wilson dà da pensare: a 39 anni può ancora dire la sua? A vedere questo match, è lontano anni luce dai top di categoria Usyk, Gassiev e Glowacki.

Diverso il discorso per Yafai: vittoria per decisione unanime dell’inglese sul messicano Israel Gonzalez ma enormi difficoltà per venirne a capo e verdetto che ha fatto storcere il naso a molti osservatori.

I patemi sono tutti per il connazionale Franck Buglioni, che non riesce a risalire la china e subisce il secondo ko in due match. Il cinese Fanlong Meng mette l’inglese ko al quinto round, esordendo in Europa con un bel dieci in pagella, mentre il 29enne londinese torna oltremanica con tanti pensieri sulla propria carriera.

Infine, la sorpresa della serata non può essere che Michael Hunter: L’americano distrugge un Ustinov lento e prevedibile, mettendolo al tappeta all’ottava e (definitivamente) alla nona ripresa. Il russo subisce la seconda sconfitta consecutiva, la terza in carriera: a 41 anni, il momento del ritiro sembra essere vicinissimo.
Hunter, invece, da underdog fa un figurone, anche perchè in realtà è solo un cruiser “appesantito”. Il suo all -in in un moderno Davide vs Golia 860 libbre di differenza tra i due) è stato premiato. L’unica sconfitta in carriera del pugile di colore rimane quella con Usyk, e grazie a questa vittoria viene catapultato nel giro dei big match: coraggio, determinazione e pugni pesanti sono la ricetta giusta. 

Supportaci :

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X