fbpx

Krassyuk: “Se Ali poteva battere i migliori massimi, può farlo anche Usyk!”

Manca poco più di un mese all’attesissimo mondiale dei pesi massimi che vedrà contrapposti il campione WBA (super), IBF e WBO Anthony Joshua e l’agguerrito sfidante Oleksandr Usyk al Tottenham Hotspur Stadium e il mondo degli appassionati e degli addetti ai lavori si sta dividendo in due fazioni contrapposte: da una parte quelli che ritengono eccessivo e sicuramente determinante il divario di stazza fisica in favore di Joshua e dall’altra quelli secondo cui le qualità tecniche di Usyk saranno sufficienti a colmare il gap. A questo secondo gruppo appartiene naturalmente il promoter del talentuoso pugile ucraino, ovvero Alexander Krassyuk, estremamente fiducioso nel fatto che il suo atleta abbia le carte in regola per compiere l’impresa.

Parlando a MyBettingSites, Krassyuk ha escluso in primo luogo che il fattore campo possa incidere negativamente sulla performance di Usyk:

“Usyk non ha assolutamente alcun problema nel combattere nel Regno Unito – è diventato campione europeo [dei dilettanti] a Liverpool, campione olimpico a Londra, ha battuto Tony Bellew a Manchester e ha battuto Dereck Chisora a Londra – quindi ha già avuto esperienze fortunate lì e continuerà ad averne a settembre”.

Stando alle parole del promoter neppure la clausola del contratto che prevede un immediato rematch in caso di vittoria dell’ucraino ha provocato tentennamenti nel suo assistito:

“Oleksandr è davvero fiducioso nelle sue chance di vincere contro AJ – quindi è per questo che ha accettato così facilmente il secondo match, perché la sua mentalità sarà ancora più forte dopo che avrà vinto il primo”.

Venendo infine al tema della differenza di corporatura, Krassyuk ha risposto a quanti non considerano Usyk un vero peso massimo azzardando un paragone davvero impegnativo con quello che è considerato da molti il più forte esponente della storia della categoria regina:

“Devo dire a quelli che non vedono la chiara realtà che Usyk è un peso massimo che Oleksandr ha la stessa stazza, lo stesso peso e lo stesso allungo del suo idolo, ‘The Greatest’ Muhammad Ali. Qualcuno potrebbe forse affermare che Ali, il migliore di tutti i tempi, non fosse un vero peso massimo? Quindi non ci sono problemi su questo fronte, se Ali poteva battere i migliori a quel peso, può farlo anche Usyk”.

Il promoter ucraino ha poi concluso la sua breve intervista esprimendo parole di stima e di apprezzamento per il campione in carica:

“Ad AJ auguriamo soltanto il meglio, gli auguriamo un fantastico training camp senza infortuni o altri problemi. Lo rispetto molto per i successi che ha ottenuto nel pugilato, per il suo comportamento umile nonostante sia una tale star e per la sua personalità brillante. Ma lasciamo che a settembre vinca il migliore così come faremo nuovamente nel rematch”.

Non ci resta dunque che attendere il 25 settembre per scoprire se davvero l’ex campione unificato dei pesi cruiser riuscirà a seguire le orme del grande Evander Holyfield issandosi sul tetto del mondo anche nella categoria regina o se la fisicità straripante di Anthony Joshua si rivelerà incontenibile anche per la classe indiscutibile dello sfidante. Di certo si tratterà di un incontro che terrà tutti noi col fiato sospeso e che scriverà una pagina significativa e importante della storia contemporanea dei pesi massimi.

Oleksandr Usyk tra i pesi massimi: quante chanche di fare la storia?

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One comment

  • Greg

    Ali non mi sembra un buon esempio visto che non era sottodimensionato rispetto ai massimi dell’epoca e buona parte dei suoi incontri nei massimi li ha fatti pesando più dei suoi avversari.

    Marciano e Tyson sarebbero stati esempi migliori da quel punto di vista.

    Probabilmente ha voluto paragone gli stili visto che sono tutti e due outboxer (oltre al fatto che hanno stazza simile).

    Io tiferò Usyk, secondo me nel suo caso specifico le dimensioni sono relative considerando che ha il vantaggio stilistico su praticamente tutti i suoi possibili avversari (non c’è nemmeno uno swarmer tra top nei massimi).

    L’unica preoccupazione è l’età. Usyk secondo me ha fatto il passaggio di categoria troppo tardi e il suo stile è quello che risente di più l’avanzare degli anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X