fbpx

McGirt: “Kovalev salirà nei cruiser. Inizieremo ad allenarci tra un mese”

Buddy McGirt, trainer dell’ex campione dei pesi mediomassimi Sergey Kovalev, ha rivelato che il Krusher russo vorrebbe salire nei cruiser a partire dal suo prossimo combattimento. Questo il nuovo piano dopo la sconfitta per KO nella sua ultima sfida dello scorso 2 novembre contro Canelo Alvarez, a cui ha dovuto cedere il proprio titolo WBO.

McGirt vuole che Kovalev non superi le 185 libbre per i suoi incontri da cruiser, il che lo renderà notevolmente più leggero dei suoi possibili avversari. La categoria di peso arriva fino a 200 libbre e molti atleti, specie quelli di prima fascia, dopo il peso reidratano superando le 210 libbre. Quindi Kovalev potrebbe regalare fino a 25 libbre ai suoi ipotetici avversari.

Tuttavia, la differenza di stazza non sembra spaventare il pugile russo che sembra sicuro di potersi affermare nella nuova categoria. Kovalev nel suo ultimo incontro a 175 libbre, è apparso svuotato e letargico durante il match, era come privo della sua solita energia. Forse il suo fisico non riesce più a gestire i limiti della categoria.

McGirt ha dichiarato a Boxing Junkie“Kovalev salirà di categoria, si sta dirigendo nei cruiser. Inizieremo ad allenarci tra circa un mese. Finché restiamo sulle 185 libbre, staremo bene e saremo competitivi. Ma non possiamo andare oltre. Sarà leggero e sarà più veloce. Penso che starà meglio con quel peso”.

Nonostante la sicurezza dimostrata dal trainer, ci sono molti dubbi sulla tenuta di Kovalev, in una categoria dove ci sono pugili che sono noti per la loro potenza. Sicuramente non depone a suo favore il fatto che abbia perso prima del limite con un peso medio come Canelo Alvarez.

Proprio su questo argomento, Kovalev ha dichiarato a Boxinggu.ru “Date le mie condizioni fisiche, era impossibile vincere con Canelo. Ho combattuto per rientrare in questo peso, ho tormentato il mio fisico con notti insonni. Perché era un’offerta finanziariamente interessante”.

Il progetto del team di Kovalev è sicuramente un percorso graduale che possa portare il pugile russo a trovare la nuova dimensione. Confrontarsi con pugili esperti e veterani della categoria, come Ilunga Makabu, Michal Cieslak e Krzysztof Glowacki, o pugili dal pugno devastante ma meno esperti come Yunier “The KO Doctor” Dorticos, Lawrence Okolie e Krszysztof Wlodarczyk, comporta prima un buon lavoro.

Condividi su:
  • 68
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X