fbpx

Klitschko: “Vorrei che Fury vincesse. Ma poi è Joshua che vedo campione indiscusso”

Mentre l’attesa rivincita tra Deontay Wilder e Tyson Fury si avvicina, l’ex re dei pesi massimi Wladimir Klitschko dice la sua su questa sfida e sulla classe regina in genere.

In una recente intervista l’ex stella ucraina ha dichiarato che il 22 febbraio all’MGM Grand di Las Vegas preferirebbe vedere una vittoria del suo vecchio rivale britannico, ma che probabilmente così non sarà se Wilder arriverà per primo a fermarlo.

“Io credo che o Wilder manderà KO Fury oppure sarà Fury a vincere ai punti. Personalmente, rispetto molto Wilder, era uno dei ragazzi che si allenava con me durante alcuni training camp, abbiamo lavorato insieme sul ring. È un ragazzo eccezionale e un pugile fantastico. Tutti i knockout che ha, probabilmente non li avrebbe nessun altro, in questo momento storico dei pesi massimi, incluso me.

Penso, o vorrei che accadesse, che Fury riuscisse a vincere questo incontro, che ci crediate o no, potrebbe farcela. Potrebbe essere un colpo di scena improvviso, se Fury vincerà si apriranno molte porte in questa divisione. Ma come ho detto, o Wilder potrebbe vincere per knockout, Fury ai punti”,  le sue parole a The National.

Nel novembre del 2015 in Germania, Fury scioccò il mondo, tutti gli appassionati e gli addetti ai lavori vincendo per decisione unanime contro Klitschko, strappandogli tutti e quattro i titoli mondiali interrompendo il suo lunghissimo regno e la sua imbattibilità che durava da oltre un decennio. Si parlò molto di una rivincita tra i due, ma di lì a poco Fury si è dovuto allontanare dal ring a causa di una grave depressione, che lo ha portato ad abusare di sostanze stupefacenti e ad aumentare notevolemte di peso.

“E poi potrebbe esserci una rivincita tra Fury e me. No, non sto annunciando alcun rientro al momento”, ha scherzato.

Klitschko si è ritirato dal pugilato nel 2017, dopo aver subito una durissima sconfitta per mano di Anthony Joshua nel corso dell’undicesima ripresa, compirà 44 anni il mese prossimo e sembra aver abbandonato ogni pensiero sul suo possibile ritorno sul ring.

L’ucraino inoltre ha rilevato che dopo l’ncontro, lui e Joshua sono rimasti ottimi amici e che spesso si confrontano sul suo futuro e sugli incontri che il campione britannico dovrà sostenere. Per questo nell’intervista ha anche parlato della questione riunificazione: a suo dire si avrà un unico campione indisscusso dei pesi massimi entro la fine dell’anno.

“Anthony è lì, è tornato, riuscirà ad essere migliore dopo l’esperienza negativa con Ruiz e vedremo. Entro la fine dell’anno potremmo avere un campione unificato con tutte le cinture. Joshua è un atleta superiore, un grande combattente, campione olimpico. La cosa più importante, è che è un ragazzo fantastico, e che porta la torcia dell’immagine del campione dei pesi massimi in maniera perfetta. Sono orgoglioso di chiamarlo amico, anche se eravamo rivali. E penso e vorrei che alla fine Joshua unificasse tutte le cinture. Ma fino ad allora, ci saranno alcuni dossi sulla strada. Quindi intanto rilassiamoci e godiamoci il percorso”.

Condividi su:
  • 235
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X