fbpx

Katie Taylor vs Delfine Persoon il 1°giugno per riunificare tutte le cinture!

Condividi su:
  • 31
  •  
  •  

Dopo l’enorme impatto mediatico generato dal trionfo di Claressa Shields nella categoria dei medi, si può affermare che la boxe femminile stia vivendo un periodo d’oro. Tale fase splendente del pugilato in rosa presto verrà arricchita da un altro dream match.

È stato ufficializzato infatti l’incontro tra l’irlandese Katie Taylor e la belga Delfine Persoon, che avverrà il 1° giugno al Madison Square Garden di New York, migliorando ulteriormente l’undercard dell’evento che vedrà il debutto di Anthony Joshua in USA contro Jarrell Mirrell. La riunione sarà trasmessa in diretta da DAZN.

Entusiasta il promoter della Taylor, Eddie Hearn: “Questo è un sogno, è l’apice di questo sport. Il titolo assoluto è in palio, non vedo l’ora che arrivi giugno”.

Anche la Taylor (13-0, 6 KO) non è riuscita a trattenere l’emozione per la sfida: “Ringrazio Eddie (Hearn) per essere riuscito a concretizzare questa sfida, non vedo l’ora! Dopo il mio ultimo incontro ero tornata a casa, adesso mi sto allenando per farmi trovare al meglio!”

La 32enne irlandese ha continuato: “Da quando sono diventata una professionista, il mio sogno è stato quello di diventare campionessa mondiale. L’idea di poter diventare campionessa indiscussa è elettrizzante, voglio dare una svolta importante alla mia carriera e questo match sarà decisivo”.

Anche la belga Persoon (43-1, 18 KO) ha mostrato felicità per l’accordo, che fino a qualche mese fa sembrava impossibile e che si è concretizzato con lavoro capillare nelle ultime settimane. “Sono davvero felicissima per questa opportunità, difenderò per la sesta volta la mia cintura. Non ho potuto gareggiare alle olimpiadi e adesso sto per sfidare la medaglia d’oro in carica, è incredibile. Sarà un incontro durissimo, e alla fine vincerò io”.

L’ostacolo più grande verso questo match è stata la mancata esecuzione di un test anti-doping da parte di Delfine Peerson. La 34enne si è difesa affermando di non essere stata avvisata, trovandosi impossibilitata a fornire un campione. Dopo un lungo processo, il tribunale fiammingo ha sentenziato in favore dell’atleta, la quale ha immediatamente annunciato la sfida di riunificazione contro la Taylor.

L’atleta irlandese, due volte medaglia alle olimpiadi, potrebbe dunque entrare nell’olimpo della boxe femminile, raggiungendo Cecilia Braekhus e Claressa Shields come campionessa assoluta, ma non si accontenta di ciò: dopo la sfida contro la Persoon, ha già le idee chiare: “Prima voglio vincere tutte le cinture. Dopo vorrei sfidare Amanda Serrano, o Cecilia Braekhus ma di sicuro voglio arrivare alla mia prossima sfida con tutte le cinture”.

 

Supportaci :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X