fbpx

Joshua studia Usyk: “Ero lì per vedere quanto sarà bravo il mio sfidante!”

La notte del 31 ottobre, alla SSE Arena di Londra, mentre il pugile ucraino Oleksandr Usyk conquistava round dopo round la vittoria contro Derek Chisora, Anthony Joshua era a bordo ring per osservare da vicino quello che potrebbe essere il suo prossimo avversario.

Il campione dei pesi massimi IBF, IBO, WBA, WBO era seduto accanto ai telecronisti di Sky Sport, ma di fatto è stato impegnato, da bravo scolaro, a prendere appunti su movimenti, strategie e colpi di Usyk. Il pugile della scuderia di Lomachenko, al suo secondo incontro nella categoria dei massimi, è infatti lo sfidante ufficiale designato dalla WBO per Joshua.

Da tempo ormai il mondo della boxe attende con ansia lo scontro tra il campione inglese ed il suo connazionale Tyson “The Gypsy King” Fury per la riunificazione totale dei titoli. Pandemia permettendo il match dovrebbe concretizzarsi nel 2021. Tuttavia, dopo l’ottima prestazione della scorsa settimana, Usyk non ha usato mezzi termini per reclamare l’opportunità che gli spetta:

“Sono lo sfidante obbligatorio per Joshua, quindi ha due opzioni – ha dichiarato a Sky Sports News La prima: combattere contro di me. La seconda: lasciar il titolo e andare ad affrontare Fury. O mi affronta o abbandona. Sto aspettando. Sono pronto”.

Insomma Usyk sta spingendo affinché gli sia concessa l’opportunità di affrontare Joshua prima della sfida contro Fury. Dal canto suo Joshua non lo ha di certo ignorato. Ha infatti affermato di aver studiato alcuni match registrati dell’ucraino.

“Ho bisogno di vedere i miei avversari di persona”, ha spiegato a sua volta Joshua a Sky Sports News. “Sono nel pieno del mio training camp, ma è un buon momento per me per studiare cos’altro c’è là fuori. È un’opportunità di business. Voglio andare a vedere cosa fa la mia concorrenza. Per quanto io fossi lì per supportare Derek, lo ero anche per vedere quanto sarà bravo il mio sfidante obbligatorio!”.

Intanto tra meno di un mese ad attendere Joshua c’è un’altra sfida impegnativa. Dovrà infatti difendere i suoi titoli contro lo sfidante obbligatorio designato dalla IBF: Kubrat Pulev. Non una passeggiata, dati i successi recenti del “Cobra” bulgaro e la sua voglia di non mancare la seconda chance titolata di tutta la carriera.

Joshua osserva, studia e si prepara. Gli avversari sono tanti, temibili e spesso affamati. Ma ogni sovrano lo sa: unificare un regno vuol dire avere tanti confini da difendere.

Usyk dopo la vittoria su Chisora: “Anthony come stai? Sto venendo a prenderti!”

Condividi su:
  • 192
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X