fbpx

Joshua medita un altra sfida aspettando Usyk

Luis Ortiz vorrebbe l’opportunità di affrontare Anthony Joshua, visto che la rivincita tra il britannico e Oleksandr Usyk è messa in standby per via della guerra in Ucraina.

Joshua ha perso i titoli  WBA, IBF e WBO dei pesi massimi lo scorso settembre, ma nel contratto della sfida l’inglese aveva la possibilità, in caso di sconfitta, poteva esercitare per la sua rivincita. Tuttavia, vista la situazione politica in Ucraina, non è chiaro quando Usyk potrebbe rispettare l’onere della sfida.

L’ex campione del mondo, sta valutando una sfida nei prossimi mesi per riprendere la confidenza del ring. Nella sua lista dei possibili avversari c’erano Otto Wallin e Joe Joyce, nomi fatti dallo stesso pugile inglese attraverso tweet.

Il manager di Luis Ortiz, Jay Jimenez ha candidato il suo assistito attraverso ESPN. Il promoter ha dichiarato: “Luis ‘King Kong’ Ortiz vorrebbe un’opportunità per affrontare la sfida di affrontare Joshua.” Il pugile cubano, dopo aver subito una sconfitta a novembre del 2019 con l’ex campione WBC, Deontay Wilder, ha vinto prima contro Alexander Flores e poi contro Charles Martin.

Il cubano, visto il suo stile, non rappresenta la prima opzione dello staff di Joshua che preferisce un profilo più “morbido”. In questo senso sembra essere più plausibile la scelta di Otto Wallin, la cui unica sconfitta in carriera è stata contro Tyson Fury.

Lo svedese doveva confrontarsi con Dillian Whyte lo scorso ottobre, tuttavia il pugile britannico dovette rinunciare alla sfida per un problema alla spalla. A quanto pare Whyte dovette sottoporsi ad un trattamento per un infiammazione importante alla cuffia dei rotatori.

Wallin e Ortiz potrebbero essere i profili giusti per Joshua, visto che entrambi combattono in guardia mancina come Usyk. Ovviamente la scelta sarà studiata per mettere alla prova alcuni schemi studiati e preparati per la nuova sfida con l’ucraino.

Tra i due è naturale che Ortiz ha un tasso tecnico superiore e quindi potrebbe mettere meglio alla prova l’ex campione del mondo. Tuttavia dovrà essere proprio Joshua a capire quanto vorrà mettersi in gioco.

 

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X