fbpx

Joshua: “Klitschko mi ha dato consigli su dieta e allenamenti, Wlad è sempre stato un passo avanti”

Dopo la debacle di giugno sul ring del Madison Square Garden di New York e in vista dell’imminente rivincita contro Andy Ruiz alla Diriyah Arena in Arabia Saudita del prossimo 7 dicembre, negli ultimi mesi si è fatto un gran parlare su Anthony Joshua e i suoi cambiamenti nel fisico e negli allenamenti.

Di recente l‘ex superstar britannica ha spiegato come sono andate le cose per lui in questo periodo e ha affermato che per prepararsi al duro test che lo attende tra le Dune questa settimana, ha seguito i consigli dall’ex avversario Wladimir Klitschko. Da lui, che ha dominato la divisione dei pesi massimi per più di un decennio ha avuto delle dritte soprattutto sul regime alimentare e sugli allenameni da seguire.

“Klitschko mi ha detto un sacco di cose, Wlad è sempre stato un passo avanti agli altri e con tutta la sua esperienza ne sa decisamente di più di me. È più disciplinato, è più diplomatico”, ha detto Joshua.

Klitschko e Joshua si sono affrontati, davanti a un folto pubblico di 90.000 persone, allo stadio di Wembley ad aprile 2017, e nonostante il britannico abbia battuto l’ex campione ucraino spedendolo al tappeto e ponendo definitivamente fine alla sua carriera, i due sono diventati buoni amici. Difatti AJ in questi anni, ha detto di averlo chiamato spesso per avere qualche indicazioni in vista dei propri combattimenti, specie di quelli più duri, come in questo caso.

“Mi ha dato dei consigli sulla dieta e sull’allenamento. È forse per questo che le persone stanno dicendo adesso di vedere una differenza nel mio corpo. Forse la vedono proprio per questo, poiché mi sono adattato ad alcuni dei suoi insegnamenti, e il mio peso può essere variato”.

Duque a quanto pare Joshua non sta lasciando niente al caso pur di rivendicare le sue cinture IBF, IBO, WBA e WBO dei pesi massimi ed è molto motivato, ma d’altra parte ha affermato anche che non sono quelle quattro cinture a definire il valore di un combattente.

“Non c’è niente che mi sia mancato in questi mesi dell’essere o meno campione del mondo. Ho sempre detto che non è mai la cintura che dovrebbe definire l’uomo. Ho camminato come un campione ancora prima di avere una cintura”, ha detto Joshua.

“Questo è combattere. Una sconfitta non cancella le macchie di un ghepardo. Non si gioca quando si parla di boxe, siamo seri e dopo aver preso la sconfitta abbiamo avuto il tempo di riflettere. Ora tutto quello che ho da dimostrare sono soprattuto delle cose a me stesso. Voglio prendere tutto con maggior serietà perché sto andando verso un livello successivo”.

Condividi su:
  • 405
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X