fbpx

Joshua-Fury sfiderà i Giochi di Tokio. Hearn: “Questo è più grande delle Olimpiadi!”

Il big match dei pesi massimi, valevole per la riunificazione totale delle cinture, tra Anthony Joshua e Tyson Fury potrebbe andare in scena in concomitanza con la kermesse più importante del mondo dilettantistico: le Olimpiadi. I Giochi di Tokio 2020 si attendono dalla scorsa estate, da quando la pandemia da coronavirus ha costretto gli organizzatori a rimandarli al 2021, e salvo imprevisti, si svolgeranno dal 23 luglio all’8 agosto. Tuttavia secondo Eddie Hearn questo non costituirà un grosso problema per i due britannici ed anzi il loro attesissimo match potrebbe piuttosto “rubare” la scena alla concorrenza.

“Le Olimpiadi avranno un fuso orario diverso, quindi in realtà non è un  vero e proprio problema. So che sono un evento enorme, ma io la vedo in maniera differente. So che molte persone non saranno d’accordo con me, ma personalmente vedo questo più grande delle Olimpiadi! Sento che lo è per la Gran Bretagna, perché il mondo si fermerà per guardare tutto questo e sarà tra due inglesi”, ha dichiarato il numero uno della Matchroom Boxing.

L’idea di realizzare questa sfida nello stesso periodo delle Olimpiadi però, sembra non essere una manovra voluta, ma necessaria: “Non abbiamo scelta. Ci sono troppe persone o cose già con cui misurarsi, con i combattenti, gli allenatori, i Paesi, i fusi orari, le Olimpiadi. Qualcuno sta spendendo un sacco di soldi per questo, quindi dobbiamo andare quando ci dicono. Qualunque sarà la data che ci verrà fornita dalla sede, sarà la data in cui andremo.

I ragazzi sanno che sarebbe durante le Olimpiadi, potrebbe essere inappropriato ma è il più grande match nella boxe e il momento più importante nella carriera di AJ, quindi dobbiamo trovare una soluzione. Entrambe le parti hanno accettato una proposta specifica e stiamo mettendo a punto i contratti per finalizzarla. Non abbiamo definito una data esatta, il 24 luglio è quella approssimativa, la sfida potrebbe arrivare massimo all’inizio di agosto, ma non andare oltre.

In uno scenario del genere, potrebbe avere invece qualche ‘grattacapo’ il campione WBA, WBO IBF e IBO poichè il suo allenatore Robert McCracken è il direttore tecnico della nazionale britannica e quindi dovrebbe seguire la squadra alle Olimpiadi: “So che Rob prende molto sul serio la sua posizione, ama il lavoro e i ragazzi, quindi non è l’ideale, ma non possiamo spostarla di un paio di settimane. So che AJ e Rob hanno parlato, quindi sono sicuro che risolveranno tutto”.

Fury e Hearn rivelano che la riunificazione dei massimi si avvicina: “Tre o quattro grandi offerte sul tavolo”

 

 

 

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X