fbpx

Josh Taylor sminuisce Teofimo Lopez: “Non è mai stato campione indiscusso!”

Dopo la clamorosa sconfitta subita per mano dell’australiano George Kambosos Jnr, l’ex campione del mondo dei pesi leggeri Teofimo Lopez ha intenzione di ravvivare la sua carriera cambiando categoria di peso e cercando gloria nei superleggeri. Tra lui e la conquista di nuovi titoli iridati c’è però il formidabile fighter scozzese Josh Taylor, che al momento possiede tutte e quattro le cinture mondiali delle 140 libbre.

Lopez aveva fatto il colpo grosso sconfiggendo contro ogni previsione il fuoriclasse ucraino Vasyl Lomachenko nell’ottobre del 2020 e scalzandolo dalla vetta della categoria dei leggeri. Proprio in occasione di quella vittoria inaspettata era sorto però un dubbio in relazione alla situazione dei titoli mondiali. Lomachenko infatti, dopo aver collezionato tutte e quattro le cinture principali, era stato elevato dalla WBC al rango di “campione Franchise”, liberando quindi il posto di campione WBC, subito occupato dallo statunitense Devin Haney. Benché la maggior parte degli esperti consideri quello di Haney un titolo “di serie B” e abbia riconosciuto quindi a Lopez prima e a Kambosos poi lo status di campioni indiscussi, non tutti concordano con questa interpretazione dei fatti.

A giocare sull’ambiguità appena descritta ci ha pensato di recente proprio lo scozzese Josh Taylor che, per stuzzicare Lopez, appena sbarcato nella sua stessa categoria di peso e desideroso di strappargli le cinture, ha sminuito i traguardi raggiunti dal rivale nel corso di un’intervista rilasciata a IFL TV. Quando i giornalisti dell’emittente gli hanno fatto presente la recente dichiarazione di Lopez, che si è detto sicuro di diventare di nuovo campione indiscusso, Taylor ha replicato:

“Di nuovo? Diventare campione indiscusso di nuovo? Sì, ho visto che lo ha scritto. Beh, il fatto è che per prima cosa lui non è mai stato campione indiscusso, quindi dovrà provarci prima o poi”.

Un match tra Taylor e Lopez, valido per tutte le cinture mondiali dei superleggeri, sembra essere relativamente semplice da organizzare dato che entrambi i pugili sono gestiti dalla Top Rank di Bob Arum. È anche vero però che la medesima organizzazione cura gli interessi di numerosi altri protagonisti della divisione, motivo per cui Lopez dovrà necessariamente guadagnarsi la sua chance ottenendo qualche risultato prestigioso. Taylor ha fatto notare anche questo aspetto nel corso dell’intervista:

“Ha una lunga fila davanti a sé per ottenere questo match. Quindi può aspettare quanto vuole e abbaiare quanto vuole”.

Il “Tartan Tornado” sarà impegnato il prossimo 26 febbraio nella difesa dei suoi titoli dall’assalto dell’imbattuto inglese Jack Catterall davanti al pubblico amico della SSE Hydro di Glasgow. Per Taylor si tratterà del primo impegno ufficiale dopo lo splendido match di riunificazione vinto lo scorso maggio a Las Vegas contro l’americano di radici messicane Jose Carlos Ramirez.

Lopez Sr: “Non ho bisogno di rivincite. Saliremo a 140 libbre e metteremo KO tutti!”

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X