fbpx

Josh Kelly: “La divisione dei welter è dura. Ma al MSG per me il 1° grande passo”.

Mancano ormai solamente due giorni all’evento del Madison Square Garden di New York che segnerà il debutto in terra statunitense di Anthony Joshua e Josh Kelly. Sul ring del MSG saliranno nomi di assoluto prestigio quali, oltre ai già citati AJ e Josh Kelly, che se la vedranno rispettivamente con Andy Ruiz Jr e Ray Robinson), Callum Smith, Chris Algieri e Katie Taylor, che combatterà contro Delfine Persoon.

Josh Kelly (9-0, 6KO) difenderà la cintura WBA Internazionale dei welter, conquistata il 31 marzo 2018 contro Carlos Molina, dall’assalto di Ray Robinson (24-3-1, 12KO). Esattamente come il connazionale Joshua, protagonista del main event, Kelly spera di battezzare il debutto a stelle e strisce con una vittoria. Di fronte si troverà il mancino Robinson, che in carriera ha perso soltanto tre incontri in 28 disputati, di cui uno ai punti nell’ormai lontano 2010 contro il futuro campione WBC della divisione, Shawn Porter.

Questo è un grande match ma costituisce solo il primo passo di una lunga serie – ha dichiarato Kelly, imbattuto in nove match disputati – sabato sarà una grande occasione per me e migliore sarà l’avversario, meglio mi esibirò. Potrebbe essere davvero una grande notte. Tyson, Lewis e tutti i migliori campioni hanno combattuto in America, il MSG è stato la mecca del pugilato per anni. Quindi combattere lì per me adesso è un sogno.

A proposito del suo avversario e dei suoi prossimi combattimenti: “Questo è un grande passo avanti. Lui (Robinson, ndr) è un gran pugile, è mancino ed è alto. Dovrò studiarlo, capirlo e annullarne il gioco. La divisione dei welter è dura. Penso che ci vorranno due anni prima di sfidare i grandi nomi della categoria. Un anno fa si diceva che Keith Thurman fosse il migliore, ma adesso penso che sia uno dei meno forti“.

Josh Kelly ha anche espresso un suo parere sul più forte peso welter contemporaneo: “Personalmente dico Errol Spence Jr. Penso che sia il più forte, ma se parliamo di tecnica allora dico Terence Crawford“.

Infine, ha chiuso con un pronostico sul match del 20 luglio che vedrà protagonisti Manny Pacquiao e Keith Thurman: “Penso che vincerà Thurman per una questione di età. Se però Thurman combatterà come ha fatto con Lopez, allora la spunterebbe Pacquiao“.

 

Condividi su:
  • 58
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X