Johnny Nelson: “Il giudizio su Fury solleva grossi dubbi, aveva vinto.”

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  

Sabato notte è andato in scena l’attesissimo confronto tra il campione WBC dei pesi massimi, Deontay Wilder (40-0-1, 39KO) e l’ex campione WBO, WBA “Super”, IBF e IBO, Tyson Fury (27-0-1, 19KO). Il match si è concluso con un pari, al termine di un match esaltante sotto il profilo spettacolare, complice un Fury in piena forma e perfettamente riabilitato dopo i problemi accusati fuori dal quadrato in seguito alla vittoria ottenuta il 28 novembre 2015 contro Wladimir Klitschko, che ha di fatto posto la parola fine al lungo regno incontrastato dell’ucraino.

Al termine del combattimento la nostra redazione (che aveva seguito il match in diretta con il commento in streaming), aveva Fury in vantaggio di due punti. Ciononostante, non ce la siamo sentita di contestare un verdetto che, in presa diretta, avevamo anche annunciato come probabile, nonostante il nostro personalissimo cartellino. Non è stato invece del nostro stesso avviso l’ex campione dei cruiser, Jhonny Nelson che, nel corso di un’intervista, ha attaccato duramente l’operato dei giudici, prendendosela in particolare con il messicano Alejandro Rochin reo, a suo dire, di aver completamente sbagliato giudizio, assegnando all’americano la vittoria per 115 a 111.

Secondo Nelson, Fury aveva chiaramente vinto il match, nonostante i due atterramenti subiti: “Quel tipo di decisione suggerisce una possibile corruzione del giudice messicano Alejandro Rochin. Il verdetto di 115 a 111 a favore di Wilder è semplicemente sbagliato. Non sto dicendo che sia corrotto, nessuno vuole essere denunciato, ma quando il punteggio è così lontano da quello che abbiamo visto, le sopracciglia vengono sollevate e bisogna porsi delle domande“, ha dichiarato Nelson al Daily Mail.

I giudici dovrebbero riguardarsi l’incontro e mostrare come hanno assegnato i punteggi con un arbitro indipendente al loro fianco. Si può influenzare la vita di qualcuno con questo tipo di decisioni. I pugili mettono la loro vita in pericolo, il minimo che possono aspettarsi è che il giudice sia giusto. In caso contrario, quest’ultimo deve essere esposto“.

Infine, in merito alle prossime mosse di Wilder, Nelson si è detto scettico riguardo a un possibile scontro con Anthony Joshua, alla luce di quanto si è visto sabato: “Wilder ha bisogno di ottenere un rematch con Fury. Allo stato attuale, il suo potere contrattuale con AJ è più debole dopo la prestazione di sabato. Continuo a credere che il prossimo match di Joshua ad aprile sarà contro Dillian Whyte, che avrà la meglio contro Dereck Chisora“.

Supportaci :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X