fbpx

Il WBC ordina Canelo vs Yildirim per il WBC dei supermedi

Nonostante Saul “Canelo” Alvarez (53-1-2, 36KO) sia ancora alla ricerca di un nuovo avversario per il suo prossimo combattimento, c’è chi lo ha voluto aiutare, suggerendogli un nome nuovo. L’ente di sigla WBC, infatti, è pronto ad ordinare un match tra Canelo e lo sfidante obbligatorio Avni Yildirim (21-2, 12KO), per il titolo WBC dei supermedi, ad oggi ancora vacante.

Il consiglio dei governatori della WBC, con un voto totale di 36-1, ha votato per ordinare ad Alvarez, campione mondiale in più divisioni nonché detentore del titolo WBC “Franchise”, di combattere contro lo sfidante obbligatorio WBC, Avni Yildirim – ha dichiarato Mauricio Sulaiman, presidente di lunga data (e recentemente rieletto) dell’ente di sigla con sede a Città del Messico – maggiori dettagli saranno disponibili nei giorni a venire“.

La cintura è diventata vacante a partire dallo scorso 14 agosto, dopo che l’allora campione, David Benavidez, si è presentato alle operazioni di peso con un incremento di tre libbre rispetto al limite consentito. A quel punto, come da regolamento, solamente lo sfidante Roaner Alexis Angulo, qualora fosse uscito vincitore dall’incontro, avrebbe potuto impossessarsi della cintura, ma così non è stato, e così la cintura WBC è rimasta senza un titolare.

Nonostante Benavidez abbia espresso la volontà di recuperare la cintura persa, l’ente di sigla, considerate le difficoltà del 23enne nativo di Phoenix di restare nei limiti delle 168 libbre, ha preferito dirottarlo come sfidante obbligatorio WBC dei mediomassimi, dove affronterà il campione in carica, Artur Beterbiev (15-0, 15KO), che possiede anche la cintura IBF della divisione.

Yildirim avrebbe dovuto affrontare direttamente il vincitore della sfida tra Benavidez e Angulo, secondo quanto promesso dal WBC, dopo la controversa sconfitta subita a febbraio dal pugile turco per mano di Anthony Dirrell, che valeva per l’allora vacante titolo della divisione. Dirrell fu quindi in questo modo autorizzato a sfidare per primo Benavidez, al rientro dopo la squalifica. Dunque, Sulaiman ha saputo mantenere fede alla parola data. Canelo, dal canto suo, ha scalato posizioni in virtù del suo titolo “Franchise”, un status che permette ai titolari di questo titolo di evitare le restrizioni delle difese obbligatorie delle cinture in loro possesso e persino le categorie di peso.

Qualora uno dei due contendenti dovesse rifiutare l’invito oppure ritirarsi dalle trattative, allora il WBC sceglierà nell’elenco dei pugili disponibili e con il punteggio più alto: i principali indiziati sono Callum Smith (27-0, 19KO), titolare del WBC “Diamond” oltre che della cintura WBA “Super” e Azuzbek Abdugofurov (13-0, 5KO), detentore del titolo “Silver”.

Hearn sul ritorno di Canelo: “Il 12 settembre sembra piuttosto irrealistico!”

 

Condividi su:
  • 192
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X