fbpx

L’IBF ordina ufficialmente Lopez-Kambosos: tempo fino al 6 febbraio per i negoziati

Adesso Teofimo Lopez Jr. dovrà occuparsi della prossima scadenza della trattativa per la sua difesa obbligatoria.

L’International Boxing Federation (IBF) ha ufficialmente ordinato la sfida per il titolo dei pesi leggeri tra Lopez, campione in carica, e l’imbattuto contendente numero uno George Kambosos Jr. L’organismo sanzionatorio, con sede nel New Jersey, ha notificato ad entrambi i manager che venerdì partono i 30 giorni per i negoziati entro i quali devono trovano un accordo. Altrimenti si procederà con l’asta a busta chiusa.

“Il campione IBF dei pesi leggeri, Teofimo Lopez ha vinto il titolo il 14 dicembre 2019. La sua difesa obbligatoria era prevista entro il 14 settembre 2020. Adesso il contendente numero uno è George Kambosos Jr.” Ha dichiarato Carlos Ortiz, presidente della IBF Championship in una nota ufficiale ad entrambi gli staff. “I negoziati dovrebbero iniziare immediatamente ed essere conclusi entro il 6 febbraio 2021. Se non siete in grado di raggiungere un accordo per questo incontro entro 30 giorni, la IBF chiederà un’offerta ad asta.”

La decisione obbliga Lopez ad abbandonare i suoi piani di unificazione con Devin Haney, che attualmente detiene il titolo WBC. Una sfida che completerebbe l’impresa realizzata lo scorso 17 ottobre, quando ha sconfitto ai punti Vasiliy Lomachenko conquistando le cinture WBA e WBO. La sigla accetta delle sfida volontarie, ma mai dopo che è stato designato lo sfidante ufficiale.

La nomina di sfidante ufficiale di Kambosos è arrivata a seguito della sua vittoria su Lee Selby. Il pugile australiano è riuscito a trionfare ai punti in Inghilterra lo stesso giorno del trionfo di Lopez sul fighters ucraino.

“Il mancato rispetto di questo obbligo da parte di un campione sarà un motivo sufficiente perché il Consiglio di Amministrazione prendano in considerazione la revoca del titolo”, rileva Ortiz. “Se lo  sfidante obbligatorio accetta di combattere il campione, ma non è in grado di negoziare i termini dell’incontro entro trenta giorni, gli staff hanno l’obbligo di procedere a un’offerta in busta chiusa. 

Il mancato rispetto di questa regola da parte del Challenger farà sì che il comitato riconosca il prossimo sfidante conferendogli il ruolo di obbligatorio, retrocedendo l’attuale challenger in una posizione inferiore del decimo posto per almeno 6 mesi.”

Top Rank, che gestisce Lopez, e Dibella Entertainment, che gestisce Kambosos, avevano già iniziato le trattative per organizzare la sfida nella primavera del 2021 in Australia per essere trasmesso su ESPN. Ma nonostante queste chiacchierate esplorative, non si è trovato le basi per l’accordo economico. Probabile che questa presa di posizione del consiglio direttivo della IBF acceleri le trattative.

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X