fbpx

Higgins: “Un rematch tra Joseph Parker ed Andy Ruiz sarebbe fantastico!”

Dopo Luis Ortiz anche Joseph Parker ha rifiutato la proposta dell’IBF di battersi con il picchiatore croato Filip Hrgovic in un’eliminatoria per determinare lo sfidante ufficiale al titolo mondiale dei pesi massimi. La federazione dovrà quindi continuare ad esplorare il proprio ranking per individuare un pugile disposto ad affrontare l’imbattuto atleta di Zagabria che da più di un anno è alla ricerca disperata di un rivale di alto livello con cui testare le proprie qualità.

A spiegare la decisione di Parker, che indubbiamente ha generato una certa delusione tra gli appassionati, ci ha pensato il suo manager David Higgins, persuaso che una sfida con Hrgovic non avrebbe senso sul piano economico per il suo assistito. Higgins preferirebbe di gran lunga un rematch tra Parker ed Andy Ruiz Jr da disputarsi su suolo americano a distanza di più di cinque anni dal primo incontro tra i due. Era infatti il 10 dicembre del 2016 quando il “Destroyer” messicano si recò in Nuova Zelanda per giocarsi con Parker il vacante titolo mondiale WBO dei massimi venendo superato di stretta misura ai punti.

Queste le parole che Higgins ha rilasciato a Sky Sports sull’argomento:

“Joseph ha un grande seguito nel Regno Unito e nell’Asia Pacifica. Il suo obiettivo è quello di diventare un’attrazione da entrambi i lati dell’Atlantico e soltanto in pochi ci sono riusciti. Per far crescere la sua carriera Joseph dovrebbe guardare agli Stati Uniti e cercare di mettere a segno grandi KO contro pugili americani.

Ciò gli garantirebbe una reputazione planetaria mentre attende la sua chance titolata. Se non facesse così farebbe la fine di Anthony Joshua che è rispettato soltanto in alcune zone di Londra. Un rematch con Andy Ruiz Jr sarebbe fantastico. Parker ha battuto Ruiz in un match molto equilibrato in Nuova Zelanda. Se si fosse svolto in America il verdetto sarebbe forse stato capovolto.

Andy vuole un rematch. Affrontarlo in America sarebbe interessante perché lui è un idolo per gli americani di origine messicana. Se Parker seguisse il giusto piano tattico batterebbe facilmente anche Deontay Wilder. Dillian Whyte? La tanto attesa rivincita con Whyte sarebbe a sua volta interessante”.

I giornalisti hanno quindi fatto a Higgins il nome di Hrgovic, chiedendo lumi sul rifiuto del suo assistito di accettare la sfida del possente atleta croato e il manager non si è sottratto alla domanda:

“C’è un problema di natura economica con Hrgovic. Quando abbiamo costruito la carriera di Parker abbiamo creato una base di tifosi in Nuova Zelanda. Lo abbiamo fatto investendo tanto soldi per organizzare Parker vs Ruiz Jr in Nuova Zelanda. Hrgovic ha forse una solida base di tifosi da qualche parte? Lui ha un’elevata posizione nel ranking, ma non ha pubblico, quindi l’offerta economica è ridicola per qualcuno come Parker.

Inoltre questo match sarebbe valido come eliminatoria per mettersi in coda, perché la situazione delle altre cinture deve essere ancora chiarita. Quindi Parker potrebbe affrontare Hrgovic per una borsa che coprirebbe a stento le spese del suo allenamento, vincere e poi sedersi ad aspettare per un anno la sua opportunità”.

Il miglior Parker mai visto doma un eroico Chisora!

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X