fbpx

Hearn: “Wilder è sparito perchè non ha più voglia di combattere?”

Il numero uno della Matchroom Boxing, Eddie Hearn, ha rilasciato alcune dichiarazioni piuttosto piccanti riguardanti l’ex campione WBC dei pesi massimi, Deontay “The Bronze Bomber” Wilder e il suo promoter, Sherry Finkel. Hearn non si capacita del fatto che Finkel non abbia tutelato a dovere il suo assistito per quanto concerne un’eventuale rivincita con Tyson “Gipsy King” Fury, non includendo nel contratto stipulato una clausula che lo protegesse da cause di forza maggiore, come la pandemia da Covid-19.

Infatti, allo stato attuale, Bob Arum e Tyson Fury hanno scelto di cambiare bersaglio, stufi dell’ennesimo rinvio del match, e forti del fatto che i termini del contratto sono ormai scaduti. Quindi, almeno per il momento, il terzo atto tra Fury e Wilder è messo da parte. Per Hearn, che ha da tempo l’idea di abbinare il suo assistito, Anthony “AJ” Joshua a Tyson Fury (nonostante per lunghi mesi si sia parlato di un ipotetico combattimento tra Joshua e Wilder), questo rinvio gioca a suo favore. Ciononostante, forse interessato ad accogliere un altro campione come Wilder sotto la sua ala protettiva, ha deciso di commentare le ultime mosse dello statunitense.

O Deontay Wilder è sparito dalla faccia della terra perché non ha più voglia di combattere oppure i suoi promoter gli hanno fatto sottoscrivere uno dei peggiori contratti nella storia della boxe – ha dichiarato il promoter britannico – il contratto è appena scaduto, in piena pandemia globale. Mi state dicendo che avreste firmato un contratto che non vi protegge da forze di causa maggiore e che quindi non vi permetterebbe di esercitare la clausola di rivincita perchè i termini sono scaduti? Non credo che Shelly Finkel l’avrebbe fatto, ma Arum e quei ragazzi li stanno provocando, dicendo: ‘Addio, è scaduto’. E Shelly viene fuori dicendo che sperano di poterla fare. ‘Perché non va fuori a proteggere i loro diritti? A dire: ‘No, hai firmato la rivincita, ecco il contratto. Ce l’abbiamo. Va fatta lo stesso’.

Allora cosa diavolo è successo a Deontay Wilder? Mi state dicendo che non vuole vendicare la sua sconfitta? Non vuole tornare ad essere il campione? Potrebbe non combattere mai più. Questo è uno sport duro. Forse non vuole più combattere o forse ha perso l’amore per questo sport. Potrebbe anche succedere, ma non riesco proprio a capirlo“.

Hearn ha fatto poi un paragone con la loro situazione dopo la sconfitta incassata da Joshua contro Andy Ruiz Jr: “Quando Joshua ha perso contro Ruiz, non è passato un giorno senza che Anthony pensasse a come vendicarsi. Non si sarebbe mai fermato finchè non avesse ottenuto la rivincita. Non riesco proprio a capire il silenzio di Wilder.

Come puoi far scadere un contratto di questo genere e sparire? Sai quanto ero sotto pressione dopo la sconfitta di Joshua contro Ruiz? Non ho dormito per settimane perché dall’altra parte cercavano di non farla. Ho combattuto con le unghie e con i denti. Joshua voleva quel match più di qualunque altra cosa.

Vuoi la rivincita? Vuoi riconquistare la tua cintura o vuoi lasciarla andare e non combattere mai più contro Fury? Non potrai più essere preso di nuovo sul serio se torni con un incontro oridinario. Niente di tutto questo ha senso. Sono preoccupato per i nostri affari, ma sono affascinato di vedere come andrà a finire”.

Fury sul ring a dicembre all’Albert Hall, ma non contro Wilder!

Condividi su:
  • 196
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X