fbpx

Hearn: “Whyte deve cancellare l’onta sul suo nome con l’udienza di ottobre”

È improbabile che Dillian Whyte torni a combattere nel Regno Unito per ora, almeno fino a quando non sarà chiarita la polemica sui test antidroga che lo ha visto protagonista dopo il suo ultimo incontro disputato ugualmente nonostante la notifica di un’eventuale squalifica dal UK Anti-Doping (UKAD).

Il 17 giugno infatti, l’associazione di tutela antidoping ha reso noto il risultato del test eseguito su Whyte un mese prima rivelando la positività a due metaboliti di una sostanza vietata, comunicandolo al diretto interessato ed al suo staff circa tre giorni prima del match all’O2 Arena di Londra contro Oscar Rivas. Espilogo invece che per quest’ultimo è rimasto oscuro.

A Whyte è stato concesso dal British Boxing Board of Control di combattere nonostante tutto ciò. L’ente antidoping ha fissato però un’udienza approfondita per esaminare la questione per il mese prossimo. La UKAD opera in stretta riservatezza e sono stati rivelati pochissimi dettagli del caso. Non è nemmeno noto se Whyte abbia richiesto o meno il controllo del campione B del suo test del 17 giugno.

Tuttavia, Eddie Hearn, il suo promoter, ha dichiarato che Whyte ha un’udienza in ottobre con la quale Whyte si aspetta di risolvere la questione: “Credo che ci sarà una prima udienza nel mese di ottobre, durante la quale sarà presa un decisione. Devono cancellare l’onta sul suo nome. Può combattere anche domani, ma non va bene se c’è qualche nuvola su di lui. Questo è ciò di cui abbiamo bisogno per assicurarci che sia autorizzato. Credo in lui, ma allo stesso tempo, sento che deve essere là fuori all’aperto prima del suo prossimo combattimento”.

Qualsiasi ritardo nel caso di Whyte potrebbe tuttavia portare scompiglio nella carriera del pugile inglese. Sky ha già annunciato due date  per l’ultima parte di quest’anno. Josh Taylor-Regis Prograis il 26 ottobre e Andy Ruiz Jr-Anthony Joshua per il 7 dicembre, rendendo molto improbabile che un altro top fighter possa combattere con Whyte quest’anno, qualora venisse poi autorizzato dopo la sentenza.

Ciò tuttavia potrebbe dargli spazio negli Stati Uniti in uno dei programmi DAZN di Hearn, visto che vuole tenersi attivo mentre attende la sua chance titolata per il titolo WBC l’anno prossimo.

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X