fbpx

Hearn: “Il match tra Joshua e Fury si farà. Con o senza le cinture!”

Il numero uno della Matchroom Boxing, Eddie Hearn, ha dichiarato che il match di unificazione dei pesi massimi tra il campione WBA, WBO, IBF e IBO, Anthony “AJ” Joshua (24-1, 22KO) e il titolare della cintura WBC, Tyson “Gipsy King” Fury (30-0-1, 21KO) si farà al 90% nel 2021. Tuttavia, prima di pensare a questo derby britannico, la coppia Hearn-Joshua dovrà affrontare la questione relativa allo sfidante obbligatorio per la sigla WBO, l’ucraino Oleksandr Usyk (18-0, 13KO).

Se tutte le parti saranno intelligenti potremo trovare una soluzione – ha detto Hearn – voglio davvero che il match tra Joshua e Fury sia per il campionato indiscusso, perché questo è sempre stato il sogno di AJ e faremo tutto il possibile per realizzarlo. Ma non saremo tenuti sotto scacco da nessuno e, qualora dovessimo perdere una cintura, lasceremo libere anche le altre e diremo: ‘Così funziona il pugilato oggi’. Ma se tutti saranno ragionevoli, noi in cambio saremo leali e potremo trovare una soluzione, si spera”.

Usyk ha messo nel mirino Joshua sin dal primo momento in cui ha deciso di salire nella categoria regina. L’ex numero uno incontrastato dei cruiser si sente pronto per una sfida tra i campioni della medaglia d’oro olimpica 2012.

Ho sentito dire che Usyk vuole una percentuale delle borse di AJ e Fury per farsi da parte – ha aggiunto Hearnil problema è che quando c’è una grande sfida come questa in ballo, tutti cercano di prendersi un pezzo della torta e l’avidità è incredibile. Ma dipende dai combattenti.

È una di quelle situazioni in cui alcune persone, e questo non è una frecciata al suo team o altro, credono di dover ottenere milioni di dollari per farsi da parte. In realtà, quello che accadrà è che faremo domanda alla WBO per la sfida indiscussa. Se ci rispondono, ‘no, devi parlare con Oleksandr Usyk’, allora andremo a parlare con lui per cercare di renderlo felice in modo tale da portare avanti questo match. Bisogna rispettare un pugile quando si trova nella posizione di sfidante obbligatorio. Tuttavia, come ho detto prima, si può trovare una soluzione. Il match tra Fury e Joshua si farà, con tutte e quattro le cinture in palio o nemmeno una”.

Anche il presidente WBC, Mauricio Sulaiman, è voluto intervenire sulla questione che riguarda i campioni unificati come Joshua che vogliono realizzare i combattimenti più desiderabili nonostante gli obblighi imposti dalle sigle, strizzando di fatto l’occhio ad Eddie Hearn.

Questa è una situazione sensibile e problematica perché è complicata e per niente facile. Ovviamente ci sono esempi ed errori, e stiamo cercando di gestirli nel migliore dei modi. Questo è un argomento importante per il nostro sport e merita attenzione.

Le nostre regole sono molto chiare, vogliamo i migliori incontri per lo sviluppo di questo sport. Non voglio dare mandati da adempiere o solamente da imporre. Siamo molto comprensivi e valutiamo caso per caso. Non permetteremo a uno sfidante obbligatorio di abusare della sua posizione“.

Fury su Joshua: “O scappano via o accettano la sfida: in entrambi i casi per lui sarà una sconfitta!”

Condividi su:
  • 272
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X