fbpx

Hearn: “Katie Taylor vuole una rivincita immediata contro la Persoon”

Condividi su:
  • 124
  •  
  •  

Sabato scorso al Madison Square Garden di New York, oltre alla sorprendente vittoria di Andy Ruiz Jr ai danni di Anthony Joshua nel main event per il campionato del mondo dei pesi massimi, gli spettatori di tutto il mondo hanno potuto assistere all’avvincente match tra la campionessa WBA, WBO e IBF dei pesi leggeri, Katie Taylor (14-0, 16KO) e la campionessa WBC Delfine Persoon (43-2, 18KO).

Taylor e Persoon hanno dato vita a un incontro dall’alto tasso spettacolare: il combattimento si è concluso con un verdetto a maggioranza in favore dell’irlandese che, come in tanti casi, non ha messo d’accordo tutti. La sfidante belga, una volta appreso della sua sconfitta, è scesa dal ring molto contrariata. Katie Taylor ha riconosciuto il fatto che si è trattato di un combattimento molto equilibrato e, per spegnere qualsiasi critica, ha chiesto al promoter della Matchroom Boxing, Eddie Hearn, un’immediata rivincita. Hearn ha elogiato al volontà della 32enne irlandesi di opporsi nuovamente alla sua avversaria.

Katie Taylor è un incredibile combattente – ha detto Hearn – La gente pensa che Persoon abbia vinto? Tante persone avevano un pari, molte altre avevano visto vincere la belga. Taylor mi ha chiesto di affrontarla di nuovo. Quella di sabato è stata una lotta incredibile per la boxe femminile. L’atmosfera era fantastica. Taylor, però, è la classica persona che se ha qualche dubbio preferisce eliminarlo“.

I giudici Allen Nace e John Porturaj hanno assegnato sei round a testa per Taylor, che ha vinto per 96-94 per entrambi. Diversa invece, l’opinione del terzo giudice, Don Trella, che ha segnalato un pareggio per 95-95. Polemiche a parte, Katie Taylor ha aggiunto in bacheca anche il titolo WBC della divisione, diventando la regina indiscussa dei pesi leggeri. Taylor in questo modo si va ad aggiungere a Cecilia Braekhus e Claressa Shields, anch’esse titolari di tutte le cinture possibili nelle rispettive categorie nell’era delle quattro sigle.

 

 

Supportaci :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X