fbpx

Hearn: “Joshua e la riunificazione a dicembre? Tutto dipenderà da Usyk”

I piani futuri di Joshua potrebbero essere dettati da Usyk.

Dopo la clamorosa sconfitta prima del limite del picchiatore dell’Alabama, Deontay Wilder lo scorso 22 febbraio sul ring della MGM Grand di Las vegas contro Tyson Fury, e la sorprendente proclamazione dunque di un nuovo detentore del titolo WBC dei pesi massimi, si è molto parlato della questione riunificazione.

Una super-sfida tutta britannica tra il Gipsy King e il campione WBA, WBO, IBF e IBO di categoria, Antohny Joshhua, che ha da poco recuperato le sue cinture nel secondo atto contro Andy Ruiz, ha da subito entusiasmato gli animi, specialmente dei protagonisti principali e dei loro enti promozionali.

Il piano è quello di puntare all’organizzazione dell’incontro che metterebbe in palio l’indiscussione della classe regina, nel dicembre 2020. Nel frattempo Fury dovrà disputare la trilogia contro il Bronze Bomber questa estate (ed uscirne vincitore), poichè il trentaquattrenne di Tuscaloosa ha accettato di esercitare la clausola contrattuale contenuta nel loro accordo per la rivincita del mese scorso e che prevedeva la facoltà di avere un terzo incontro tra di loro.

Joshua invece dovrà affrontare il 20 giugno al Tottenham Hotspur Stadium lo sfidante obbligatorio IBF, Kubrat Pulev. Tuttavia su di lui non solo pende l’obbligo di difesa contro il bulgaro, ma anche quello della difesa della cintura WBO contro Oleksandr Usyk che l’ente mondiale ha già ordinato. A sua volta l’ucraino è atteso sul ring per la sua seconda uscita nella categoria dei massimi il prossimo 23 maggio contro il “Del” Boy Dereck Chisora.

Eddie Hearn ritiene quindi che i piani futuri del suo combattente potrebbero essere dettati dal contendente ucraino, che vittoria di maggio permettendo, sarebbe in una posizione preferenziale e di vantaggio rispetto al vicitore tra Fury e Wilder. Così a seconda della sua volontà la riunificazione avvenire o no a dicembre come sperato.

“Il grande problema è che Usyk deve affrontare il vincitore tra Anthony Joshua e Kubrat Pulev. L’unico modo per far sì che la riunificazione avvenga a dicembre è cercare di farlo aspettare un altro mese o trovare un accordo per rendere vacante il titolo dopo. Non lo so, ma a volte cose del genere sono risolvibili”, ha dichiarato a Sky Sports.

“Intanto Usyk ha un piccolo compito davanti a sé ad attenderlo il 23 maggio: potrebbe non essere uno sfidante obbligatorio il 24 maggio, se Derek Chisora avesse qualcosa da dire al riguardo. Questa all’Arena O2 sarà una sfida mostruosa. Annunceremo tutto quanto la prossima settimana”.

Joshua però in un’intervista precedente sempre a Sky Sports, ha dichiarato che aspettandosi di affrontare Usyk in un futuro non troppo lontano ha già iniziato a studiare il suo stile: “In realtà mi sto già preparando per un mancino, perché poi so che più in là dovrò affrontare comunque Usyk, quindi la cosa intelligente da fare è iniziare a prepararmi, iniziare ad affinare i miei strumenti. È questa la cosa fantastica. So che sto combattendo da due a tre volte l’anno, quindi ho abbastanza tempo per esercitarmi e iniziare a lavorare su certi aspetti”.

Condividi su:
  • 124
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One comment

  • Antonio Manigrasso

    Bravissimo come sempre Canelo e delusione per Joshua che forse non si allena come dovrebbe….. saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X