fbpx

Hearn: “Il Fight Camp, un progetto perfetto che continuerà al 100%”

Manca meno di una settimana alla conclusione di questa nuova esperienza del “Fight Camp” nel giardino di casa Hearn testata da Matchroom, e il promoter britannico è già pronto a riproporre questa formula anche in futuro.

La crisi pandemica scoppiata negli ultimi mesi e le conseguenti restrizioni, hanno costretto la boxe mondiale in qualche modo a “reinventarsi”. Il divieto di avere pubblico dal vivo, la difficoltà negli spostamenti e i rigidi protocolli da seguire hanno portato i vari enti promozionali a trovare delle soluzioni fattibili e a costi più contenuti, vista la grossa perdita economica nell’organizzazione degli eventi dovuta alla mancanza di botteghini.

Così c’è chi, come la Top Rank di Bob Arum, ha allestito appositamente una “Bubble” all’interno della MGM Grand di Las Vegas e chi, come la Matchroom di Eddie Hearn ha messo in piedi un campo da combattimento nel proprio quartier generale di Brentwood nell’Essex. Quattro eventi messi su dalla compagnia inglese nella cornice del giardino di casa che culmineranno appunto questo fine settimana con la sfida dei massimi tra Dillian Whyte e Alexander Povetkin, e l’atteso re-match tra le regine del ring, Katie Taylor e Delfine Persoon.

Una formula, quella trovata da Hearn, che ha reso il promoter molto soddisfatto del risultato e propenso a riproporla il prossimo anno e in quelli a venire. “È stato fantastico ed è stata la cosa migliore che abbiamo mai fatto. Un’esperienza straordinaria. L’intero marchio continuerà il prossimo anno. Si arriva a scoprire storie, a costruire sfide, personaggi, creare contenuti e questo è quello che vogliamo fare. È molto importante quando si costruisce uno sport”, ha dichiarato al giornale The Mirror.

“Abbiamo avuto l’opportunità di continuare a farlo per un altro mese con altri due spettacoli, ma sento che è stata un’esperienza così straordinaria, che è ora di finirla per il momento. Il Fight Camp continuerà, al 100%, ma credo che dopo questo periodo di quattro settimane, con quello che abbiamo fatto e con la crescita che avrà questa settimana, sia giunto il momento perfetto per tagliare il prato, bere un drink sul patio e dire, ‘siamo a posto fino al prossimo anno’. Senza contare poi che questa è la mia casa d’infanzia, ed è il nostro quartier generale quindi è qualcosa a cui sono molto affezionato.

Ogni lunedì mi alzo, guardo fuori e dico semplicemente ‘Non posso crederci’. Abbiamo fatto tutto in quarantena, quindi con tutte le sfide che abbiamo dovuto superare, e abbiamo ancora, posso dire che siamo stati in grado di creare davvero il progetto perfetto. Quando avremo la possibilità di far entrare della gente, avremo l’opportunità di realizzare nella tenuta attività, interazione, metteremo più cose sul diario e cose da fare di giorno in giorno, questa sarà un’altra grande opportunità”.

Hearn sul ritorno di Canelo: “Il 12 settembre sembra piuttosto irrealistico!”

Condividi su:
  • 113
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X