fbpx

Vianello: “Ho imparato molto da Fury, è il migliore al mondo e batterà Wilder”

Sfumato il sogno olimpionico a Rio 2016 per il nostro gladiatore di Roma Guido Vianello (4-0, 4 KO), è giunto poi invece lo scorso novembre quello del passaggio al professionismo in un contesto prestigioso come la terra statunitense.

Un contratto con la Top Rank Boxing, una palestra di grandi campioni come quella di Big Bear, il confronto con i più validi combattenti dei pesi massimi (uno fra questi Tyson Fury), un allenatore di tutto rispetto come Abel Sanchez. Il venticinquenne romano ha così attirato fin da subito lo sguardo su di sè degli adetti ai lavori che lo annoverano già tra gli interessanti prospect di categoria da tenere sott’occhio.

In una manciata di mesi Guido ha all’attivo quattro incontri (avvenuti tutti prima del limite) che può vantare in undercard di eventi di lusso e tra non molto ne arriverà un quinto. Difatti il 14 settembre prenderà parte anche al programma dell’evento che vedrà protagonisti alla T-Mobile Arena di Las Vegas Tyson Fury e Otto Wallin.

Questa volta ad accompagnarlo nella nuova avventura sul ring, sarà però l’allenatore Kevin Barry. Vianello infatti ha di recente cambiato palestra: da qualche tempo si allena alla Barry’s Boxing di Las Vegas.

“Abbiamo iniziato ad allenarci insieme circa un mese fa in vista del mio quinto match”, ha dichiarato in un’intervista per boxingscene.com

“Ogni giorno qui è perfetto. Ogni giorno lavoriamo da soli senza altre persone. Siamo solo io, il coach e Taylor. Mi stanno costruendo. Stanno costruendo la mia tecnica e i miei colpi lunghi, viste le mie leve. Sono molto felice. A Big Bear ci si allenava in tre o quattro alla volta, tutt’insieme. Ma preferisco questo tipo di ambiente, dove posso allenarmi da solo e l’allenatore si concentra in quell’ora e mezza solo su di me”, ha aggiunto.

Inoltre durante l’intervista Vianello, dopo averlo conosciuto, ha svelato anche il suo pensiero su Fury: “È fantastico combattere sulla sua card. Siamo diventati amici e ho imparato molto da lui. Mi ha consigliato di rilassarmi quando sono sul ring e di non pensare troppo, ed anche di utilizzare più finte come fa lui.

La sua tecnica è la migliore al mondo in questo momento. Penso che diventerà il campione, che nella rivincità batterà Wilder. In realtà, nel primo match pensavo avvesse già vinto Fury, ma gli hanno dato un pareggio. Questa volta penso che lo vedramo arrivare ancora miglio”.

Condividi su:
  • 119
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X