fbpx

Davis ancora una volta in sovrappeso. Rientra nei limiti delle 135 lb al secondo tentativo

“Il lupo perde il pelo ma non il vizio”. Detto che calza al pennello per descrivere il rapporto conflittuale tra Gervonta Davis e il peso. Per l’ennesima volta il talento di Baltimora, gestito da Floyd Mayweather Jr, si è presentato in ritardo e ha sforato i parametri del peso alla prima pesata.

Davis che questa sera affronterà Yuriorkis Gamboa per il titolo WBA regular dei pesi leggeri alla State Farm Arena, ha registrato alla bilancia al suo primo tentativo 136,2 libbre, con un limite di categoria imposto a 135. Gervonta è arrivato con circa due ore di ritardo allo streaming live di Showtime poichè stava tentando di perdere peso nell’attesa di salire sulla bilancia, ma il tentativo fallito. La Georgia Athletic & Entertainment Commission ha concesso a Davis un’ora e una seconda pesata per provare a rientrare nei limiti di categoria.

Secondo tentativo con il quale è riuscito a rientrare nella categoria stimata. Infatti l’ex campione dei superpiuma ha registrato 134,8 libbre alla seconda pesata, rientrando nella categoria e quindi potendo disputare il titolo. Invece Gamboa ha pesato 134,5 libbre al suo primo tentativo.

Tuttavia Davis, dovrà pagare una multa salatissima, non ancora comunicata alla stampa, con la sua borsa a sette cifre alla Georgia Athletic & Entertainment Commission per non essere riuscito a rientrare nel peso. Parte di tale ammenda sarà pagata a Gamboa per il danno subito.

Un comportamento disapprovato dal CEO della Mayweather Promotion, Leonard Ellerbe, che ha dichiarato a Boxingscene: “Siamo rimasti sorpresi che Tank non abbia superato la pesato al primo tentativo. È deludente, ma a volte succedono cose del genere. Non lo scusiamo. Verremo molto criticati, ma comprendiamo che questo è quello che capita in queste occasioni”.

Insomma non un inizio felice per Tank Davis nella nuova categoria, non solo il mastodontico ritardo di due ore alla conferenza su Showtime, ma anche innescato un lite con il suo avversario spingendolo durante il face off.

Davis (22-0, 21 KO), ha rinunciato alla sua corona di “super” campione WBA dei superpiuma per poter salire nei leggeri. Questa sfida, accolta dal redivivo Gamboa (30-2, 18 KO), medaglia d’oro olimpica nel 2004, ed ex campione mondiale a 126, 130 e 135 libbre e che dopo una fase calante cerca riscatto, ha in palio il titolo WBA vacante e potrebbe spingere il vincitore, tra le braccia di Vasiliy Lomachenko. L’ucraino possiede il titolo di “super” campione WBA dei pesi leggeri e quindi, dopo la sfida di riunificazione che dovrà sostenere con Teofimo Lopez, neo campione IBF, potrebbe sfidare il vincitore di questa sera.

Condividi su:
  • 244
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X