fbpx

Gervonta Davis batte Barrios e diventa campione WBA dei superleggeri

Gervonta “Tank” Davis (25-0, 24KO) ha dato un’ulteriore prova di forza e, dopo aver conquistato il titolo WBA “Super” e IBF dei pesi superpiuma e il titolo WBA dei leggeri, nella serata di ieri ha fatto sua anche la cintura WBA “regolare” dei superleggeri. Nonostante lo svantaggio in altezza e il salto di categoria, il pugile di Baltimora è riuscito ad annullare il gap con il suo avversario, l’imbattuto Mario “El Azteca” Barrios (26-1, 17KO), sfruttando le sue doti principali, la potenza e la velocità di azione, davanti a una folla di 16750 persone giunte alla State Farm Arena di Atlanta per assistere al combattimento.

Barrios difendeva il titolo conquistato nel 2019 contro Batyr Akhmedov e difeso l’anno successivo dall’assalto di Ryan Karl. Barrios ha mantenuto il centro del ring, cercando di avanzare a piccoli passi e mantenendo una guardia molto stretta per evitare i colpi del mancino di Baltimora. Tuttavia, la superiorità di Davis si è fatta notare con il passare delle riprese. Tra la quinta e la settima ripresa, Davis ha centrato il pugile texano con dei diretti sinistri chirurgici, cominciando così a macinare punti sui cartellini.

Tuttavia, è all’ottavo round che il match ha preso la svolta definitiva: nel corso di questa ripresa, infatti, Tank ha inflitto due knock-down al suo avversario; la prima volta con un gancio destro, la seconda con il diretto sinistro. Nonostante un nono round ad appannaggio di Barrios, un terribile montante sinistro al fegato scagliato da Davis all’undicesima ripresa ha chiuso definitivamente il combattimento. Barrios ha provato a reagire, ma l’arbitro Thomas Taylor si è frapposto tra i due decretando così il ko tecnico.

In virtù di questo successo, Davis è diventato ufficialmente campione in tre categorie di peso differenti e adesso punta a un match con il campione “Super”, Josh Taylor, che lo scorso 22 maggio ha ottenuto una vittoria ai punti contro Jose Carlos Ramirez.

 

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X