fbpx

Gamboa: “Con il tendine d’Achille rotto è stato un miracolo continuare. Voglio la rivincita”

Yuriorkis Gamboa ha rivelato di essersi strappato il tendine d’Achille della gamba destra durante la sua sfida di sabato sera sul ring di Atlanta contro Gervonta “Tank” Davis. Un infortunio subito nel corso del secondo round e che gli ha impedito di mettere tutto il suo peso sulla gamba, limitando moltissimo i suoi movimenti per il resto del match. Proprio per questo motivo “El Ciclon de Guantanamo” vorrebbe avere la possibilità di una rivincita con il “Tank” di Batimora, non appena avrà recuperato da questo infortunio.

“Il mio cuore è quello di un leone”, ha detto Gamboa subito dopo il match. “Non sono riuscito a restare in piedi, non riuscivo, non stavo bene. Il mio piede era rotto. Al secondo round, non avevo più il  supporto su quella gamba. Il mio tendine d’Achille è rotto. Non ho potuto boxare e non avevo modo di sostenermi. Non c’era motivo di fermare la sfida, ho continuato a combattere”. 

Gamboa ha mostrato molto coraggio combattendo per 10 round con infortunio di tale entità. Una cosa che non si vede tutti i giorni, che ha dimostrato il suo enorme spirito combattivo. Stava letteralmente trascinando la gamba destra, ed era incapace di caricare quando lanciava colpi. Inoltre la poca mobilità pregiudicava la sua difesa, visto che non poteva muoversi ha subito ogni sfuriata del suo avversario. Quando lanciava dei colpi, Davis rispondeva al fuoco, e questo lo costringeva a muoversi per evitare i pugni, cosa che a causa del suo infortunio, ha potuto fa poco finendo così per prendere più colpi del dovuto.

Gamboa ha chiarito dopo il match che non intende ritirarsi dalla boxe. Il talento cubano vuole prima ristabilirsi per poi tornare ad allenarsi: “Voglio una rivincita nel prossimo futuro, quando mi sarò ripreso. Penso che sia stato quasi un miracolo che sia riuscito a reggere 10 round con quell’infortunio. Ho mostrato a tutti che se sono ben allenato e posso fare ancora tanto sul ring.

Adesso la mia principale preoccupazione è prendermi cura con i medici del mio piede. Dopo di che, sono pronto a tornare sul ring per vedere cosa succede e se Davis vuole darmi una seconda opportunità. Se Dio permetterà a tutto di andare bene, vedrete un altro incontro”.

Tuttavia adesso con un tendine d’Achille lacerato, Gamboa potrebbe essere fuori combattimento per un periodo di tempo significativo. Supponendo che Davis voglia dare una rivincita a Gamboa, la sfida potrebbe aver luogo solo nella seconda metà del 2020. Intanto Mayweather, promoter di Gervonta, cercherà di accoppiarlo con pugili più morbidi per preparalo all’ipotetica sfida con Vasyl Lomchenko o con un altro top di categoria, visto che adesso che ha la cintura WBA regular dei pesi leggeri Davis si candida alla riunificazione dei titoli.

Condividi su:
  • 235
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X