fbpx

Gassiev segue Usyk: a giugno il ritorno ed il debutto nei massimi

Condividi su:
  • 89
  •  
  •  

L’ex campione WBA e IBF dei pesi cruiser, Murat Gassiev (26-1, 19KO), potrebbe seguire l’esempio del suo ultimo avversario, l’ucraino Oleksandr Usyk (16-0, 12KO) facendo anch’egli un salto di categoria. Secondo quanto dichiarato dall’allenatore del venticinquenne russo, Vitaly Slanov, il debutto nei pesi massimi potrebbe avvenire per il mese di giugno.

Preso Gassiev volerà negli Stati Uniti per allenarsi con il trainer di Gennady Golovkin, Abel Sanchez, a Big Bear, in California: “Ora Murat si sta allenando a casa, ma presto volerà in direzione di Big Bear – ha dichiarato Slanov – ha un peso di circa 100 kg (che corrispondono a 220 libbre, ndr) e sta cercando di mantenerlo. Penso che per il mese di giugno sarà pronto per il suo debutto nella categoria di peso dei massimi“.

Nella sua ultima apparizione sul ring, datata 21 luglio 2018, Gassiev è stato sconfitto da Usyk ai punti per decisione unanime: in quell’occasione, il pugile russo fu costretto a rinunciare alle cinture WBA e IBF dei cruiser. Usyk ha poi sfidato e battuto Tony Bellew e a maggio farà il suo debutto nella nuova divisione affrontando Carlos Takam.

Ora anche Gassiev vuole seguire l’esempio dell’ucraino che, almeno fino a questo momento, è stato l’unico avversario a infliggergli una sconfitta. Gassiev aveva ottenuto il titolo IBF nel 2016 superando per Split Decision Denis Lebedev. In seguito aveva difeso la cintura contro Krzysztof Wlodarczyk per poi aggiungere al suo bottino anche il titolo WBA nel febbraio del 2018 battendo Yuniel Dorticos per tko.

Slanov non ha però fornito indicazioni riguardo il nome del suo primo avversario nella nuova divisione di peso, ma è evidente che, esattamente come quanto accaduto ad Usyk, non verrà scelto un pugile di prima fascia. Chissà se nei progetti del pugile russo c’è, oltre a quello di diventare una stella dei pesi massimi (impresa difficile, almeno per adesso, visto i nomi che popolano la categoria regina), anche quello di ottenere una rivincita con il rivale ucraino…

Supportaci :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X