fbpx

Fury rivela: “Dopo Wilder, ero molto spaventato. Non ricordavo nulla”

Il campione WBC dei pesi massimi Tyson Fury ha dichiarato ai media inglesi di pensare di abbandonare il pugilato sin dalla vittoria contro Deontay Wilder dello scorso ottobre.

Il pugile inglese, pur vincendo prima del limite contro Wilder nel corso dell’undicesima ripresa, ha rilevato di aver avuto dei grossi problemi di salute dopo quell’incontro. Infatti di aver subito dei vuoti di memoria e una commozione celebrale dopo il match con lo statunitense.

Fury ha dichiarato a The Sun: “L’ho messo KO nell’undicesimo round, ma non è stata una passeggiato non mi sentivo bene. Quando sono andato negli spogliatoi toccando la parte della mia testa sentivo delle protuberanze e provavo una forte emicrania. Non sapevo se avevo subito danni cerebrali, non sapevo cosa mi stesse succedendo.

Dopo Wilder, ero molto spaventato perché avevo questi enormi rigonfiamenti dietro la testa. Questo mi ha fatto molto pensare, magari un colpo mi avrebbe potuto sviluppare un danno cerebrale. Avevo una commozione cerebrale, non ricordavo nulla. Suppongo che quando vieni messo KO con un colpo così brutale, puoi accusare dei vuoti di memoria. Io non ricordo molto, sono stato messo giù quattro volte? ‘ Sono stato messo giù due volte. Ho pensato tra me e me, sai una cosa? Penso che sia il momento di chiamarlo un giorno.”

Nonostante questo brutto episodio è tornato sul ring contro Dillian Whyte lo scorso 23 aprile. Il match avvenuto allo Wembley Stadium di Londra, dove Fury vince per KO alla sesta ripresa davanti a 94.000 tifosi inglesi.

Il titolo WBC è ancora in possesso di Gipsy King, non è stato nominato alcun sfidante ufficiale e tanto meno gli è stato tolto il titolo dopo le numerose dichiarazioni di ritiro. L’impressione è che Fury attenda l’esito della sfida tra Oleksander Usyk e Anthony Joshua. Forse il richiamo della riunificazione dei pesi massimi darà più forte di qualunque desiderio di smettere.

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X