fbpx

Fury insulta tutti: “AJ ha permesso a un piccolo uomo-steroidi di portargli via le cinture!”

Faranno certamente discutere le recenti dichiarazioni del campione del mondo WBC dei pesi massimi Tyson Fury. Il Gypsy King si è infatti lasciato andare a commenti piuttosto pesanti sui suoi competitor, insultando Anthony Joshua per la sua ultima sconfitta e definendo Oleksandr Usyk un “uomo-steroidi”. Fury non ha fornito prove o spiegazioni a riguardo e la sua, più che un’accusa vera e propria, sembra essere la classica boutade di cattivo gusto tipica del suo personaggio.

Queste le parole di Fury, rilasciate per mezzo di una storia su Instagram che lo vede intento in una sessione di allenamento sul tapis roulant:

“Sapete di cosa non mi capacito? Questo “AJ” ha ridato indietro all’Ucraina le cinture dei massimi dopo che io le avevo recuperate con tutto il mio duro lavoro. Sei un grande e inutile barbone!

Hai permesso a un piccolo uomo-steroidi di salire dai pesi medi, sedersi sopra di te e prenderti tutte le tue cinture. Ci vorrà un vero bombardiere britannico Lancaster come me per detronizzare il piccoletto inutile, prendere le cinture e riportarle nel Regno Unito.

Siete degli inutili barboni! Portate [le cinture] a me, il Gypsy King. Portatele a me e io le metterò al loro posto. Li spoglierò delle cinture ancora una volta!”

Occorre precisare che Oleksandr Usyk, oltre a non aver mai militato nei pesi medi da professionista, essendo partito direttamente dai cruiser, non è mai stato trovato positivo a sostanze dopanti nell’arco della sua intera carriera agonistica. Al contrario Tyson Fury fu protagonista nel 2015 di un caso di positività al nandrolone, uno steroide anabolizzante. Il Gypsy King ha sempre negato di aver assunto alcunché di illecito, dando la colpa del risultato del test alla carne di cinghiale selvatico di cui si era cibato.

Il pugile inglese ha dunque già iniziato a dare sfogo alle sue caratteristiche provocazioni verbali in vista di una futura riunificazione dei titoli nonostante questa appaia ancora distante nel tempo. Joshua e Usyk infatti dovranno affrontarsi nuovamente ad aprile nella rivincita imposta dai rispettivi contratti mentre lo stesso Fury sarà impegnato tra qualche mese con un avversario ancora da definire. Mentre la prima opzione contemplata dal Gypsy King è stata quella di battersi col connazionale Dillian Whyte, sono emerse di recente alcune possibili alternative, tra le quali le più plausibili sembrano essere lo statunitense di radici messicane Andy Ruiz Jr e il finlandese Robert Helenius. Tutto dipenderà dalle tempistiche e dall’esito della causa in atto tra Whyte e la WBC, un vero e proprio intrigo giudiziario che condizionerà la scelta del prossimo sfidante al titolo.

Vedremo ora se Oleksandr Usyk deciderà di rispondere alle parole del rivale. L’ucraino è a sua volta famoso per il suo carisma e la sua teatralità che lo rendono un personaggio sopra le righe molto amato dal pubblico. A differenza di Fury tuttavia, Usyk non ama denigrare e sbeffeggiare i suoi potenziali avversari ed è quindi assai probabile che la sua replica, semmai dovesse arrivare, sarà improntata sull’ironia. La speranza degli appassionati in ogni caso è che i due, più che con le parole, possano risolvere la disputa tra le sedici corde con la forza dei loro pugni.

Usyk vs Fury e altri sogni a occhi aperti: cinque desideri per il 2022!

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X