fbpx

Fury: “3 match nel 2019 e poi prenderò a calci nel sedere ancora Wilder”

Tyson Fury (27-0-1) ha in mente un programma molto serrato nella seconda metà del 2019. Inizierà con il 15 giugno quando affronterà Tom Schwarz (24-0) all’MGM Grand Garden Arena trasmesso su ESPN +. Per poi progettare altri due incontri per chiudere il suo anno anno sportivo.

Un match che non accadrà secondo il pugile britannico è una sfida contro Dillian Whyte per la posizione di sfidante obbligatorio del campione dei pesi massimi Deontay Wilder. Secondo il parere di molti esperti, un eliminatoria tra i due sarebbe futile, visto che dopo il pareggio controversoo ttenuto a dicembre con Wilder, Fury otterrebbe una rivincita in qualunque momento, specie dopo il clamore mediatico della prima sfida. 

Fury su Whyte ha dichiarato:”Non credo che sia onesto sfidare Dillian Whyte per un semplice posto da sfidante obbligatorio, non mi interessa, lo sanno che sono il campione lineare del mondo. Per quanto mi riguarda, Dillian Whyte è un barbone e lo manderò knockout se e quando vorrà. Ma sa anche lui quello che è. Devo prima pensare a Tom Schwarz e per quanto riguarda le persone che mi dicono cosa fare, sappiate che sono io a decidere”.

Dopo Schwarz, Fury non vuole prendersi molto tempo libero. Se esce dal match senza particolari ferite, vorrebbe tornare sul ring in tarda estate o all’inizio dell’autunno e poi combattere ancora una volta prima della fine dell’anno.

Il co-promoter di Fury, Bob Arum, ha recentemente dichiarato che vorrebbe costruire il profilo di Fury negli Stati Uniti quest’anno e poi l’anno prossimo fare una rivincita di Wilder che crede che farebbe un pay-per-view sostanzialmente più alta del loro primo combattimento. Il loro primo combattimento pare abbia venduto circa 325.000 PPV.

Fury in queste ore ha dichiarato ai colleghi di Boxingscene: “Ascolta, voglio rimanere attivo, voglio 3 combattimenti quest’anno e 3 incontri avrò: quello che papà vuole che papà ottiene! Poi guarderemo la situazione e ci fermeremo per fare un passo indietro, se Wilder se sarà pronto per un altro calcio nel sedere, lo accontenteremo senza alcun problema!”.

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X