fbpx

Ellerbe: “Tank avrà zero problemi a fare 130 libbre. Capisce qual è la posta in gioco!”

Il prossimo sabato vedremo tornare sul ring il “Tank” di Baltimora Gervonta Davis, attuale detentore del titolo WBA dei pesi leggeri. Lo vedremo tornare contro il “super” campione WBA dei superpiuma, Leo Santa Cruz e quello che più incuriosisce i fan in questa sfida è vedere se Davis sarà capace di vincere la battaglia contro il suo peso prima ancora che quella con “El Terremoto” messicano.

La sfida tra i due campioni, in programma nella notte di Halloween all’Alamodome di San Antonio in Texas, vedrà in palio, come raramente si è visto mai accadere, entrambe le cinture mondiali valevoli in due categorie di peso differenti. Nonostante questo però, da accordi, l’incontro si combatterà al limite delle 130 libbre, peso risultato ormai strettissimo per Gervonta che in più di un’occasione ha sforato. Difatti, seppur quest’ultimo sia stato campione dei superpiuma, quella delle 130 libbre è stata sempre “una dimensione” difficoltosa da mantenere per lui, tanto che l’anno scorso Davis ha scelto di trasferirsi nella classe leggera, divisione dimostratasi tra l’altro anch’essa “striminzita”, visto che contro Yuriorkis Gamboa lo scorso dicembre ha fatto il peso al suo secondo tentativo.

Leonard Ellerbe, CEO della Mayweather Promotions, società che promuove il pugile statunitense, ha espresso però fiducia nel suo ragazzo e ha dichiarato che non avrà problemi questa volta: “Tank avrà zero problemi a fare 130 libbre. Il peso di Tank è stato ingigantito a dismisura. Ha mancato il peso in passato, ok. È stato un peccato, ma ora ha capito quanto sia cruciale l’importanza di fare il peso per un professionista. Capisce qual è la posta in gioco”.

Anche lo stesso Davis ha rassicurato i fan e replicato agli scettici: “Voglio mettere su una grande performance. Voglio fare il peso al primo tentativo. Non credo che avrò momenti di difficoltà nel fare peso. Lo sto facendo facilmente. Mi aggiro già intorno alle 130 libbre. C’è una penalità se manco il peso. Non so quale sia di preciso, ma ci sono soldi di mezzo. Sto decisamente facendo il peso, di sicuro. Leo Santa Cruz è il mio avversario più duro fino ad oggi e darà il meglio di sé. So quando è il momento di fare sul serio. So come concentrarmi, non importa cosa succede intorno a me. È questo che mi rende così speciale”.

La gente dimentica in fretta: sette giorni senza un campione di nome Lomachenko

Condividi su:
  • 184
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X