fbpx

Duva: “Kovalev dovrà stare attento a Yarde”

Sergey Kovalev (33-3-1, 28 KO) dovrà mettere in luce un ottima prestazione contro il suo sfidante obbligatorio Anthony Yarde(18-0, 17 KO) il 24 agosto, per aumentare le sue possibilità per una grande sfida con Saul Canelo Alvarez. Il manager del russo ha affermato che il suo pupillo dovrà stare molto attento senza distrarsi visto che si fronteggerà con un’avversario più giovane e molto pericoloso come Yarde.

Kovalev, 36 anni, difenderà il suo titolo al Traktor Sport Palace, a Chelyabinsk, in Russia. Il pugile russo parte sicuramente favorito per vincere, vista la maggiore esperienza e il fattore casa,  ma dovrà stare attento al suo nuovo avversario più affamato di lui e molto più giovane.

“Combatterà a casa, di fronte ai suoi fan per la prima volta nella sua carriera da  professionista, ma temo che Sergey possa farsi prendere dalla voglia di entusiasmare il pubblico, concedendosi qualche disattenzione pur di fare battaglia”, ha detto Duva su skysports.com. “Yarde è un pugile pericoloso. Spero che Sergey lo ostacoli e lo punisca con un pugilato intelligenza sfruttando la sua inesperienza”.  

Kovalev è in una posizione difficile in questo momento vista la sua decisione di combattere con Yarde in Russia, perché la folla lo inciterà a mandarlo al tappeto. Nelle sconfitte subite da Kovalev contro Andre Ward e Eleider Alvarez, si è concesso rischi inutili e finì per perdere entrambi i combattenti. Sicuramente la resistenza e il suo mento granitico non sono più quelli di una volta, quindi Kovalev dovrebbe puntare ad una boxe più conservativa come nell’ultimo match con Alvarez.

Il presidente della Golden Boy, Eric Gomez, che osserva con molta attenzione la sfida, ha dichiarato su i possibili malumori del messicano: “C’è molta disinformazione. L’importante è che Canelo voglia combattere alla fine dell’anno. Ci stiamo lavorando proprio ora. Presto faremo una sorta di annuncio. Ci sono molte voci là fuori, ed è proprio quello che sono: dicerie. Canelo ha combattuto chiunque e tutti. Quindi stiamo guardando più avversari che rispecchiano il profilo”.

Condividi su:
  • 45
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X