fbpx

Donaire si impone in quattro round su Gaballo e conserva il mondiale WBC dei pesi gallo

Nonito “The Filipino Flash” Donaire (42-6, 28 KO) è ancora in grado di dire la sua ai massimi livelli nonostante i suoi 39 anni di età. Sabato notte, in California, il campione WBC dei pesi gallo ha difeso con successo il suo titolo mettendo KO in quattro round il connazionale Reymart Gaballo (24-1, 20 KO), giunto alla sua prima chance iridata dopo aver già conquistato la cintura ad Interim nel 2020.

Nella prima ripresa il 25enne Gaballo ha mostrato tutta la sua freschezza atletica ma è stato ben contenuto da Donaire con il jab sinistro, che ha avuto l’effetto di spegnere sul nascere le potenziali iniziative del giovane connazionale, a sua volta intento a rispondere con il sinistro. Tuttavia, già nella prima ripresa Donaire ha messo a segno un ottimo montante, colpo che sarebbe poi risultato decisivo ai fini delle sorti dell’incontro.

La ripresa chiave del match è stata la terza: il campione del mondo, che ha conquistato la cintura il 29 maggio contro Nordine Oubaali, ha iniziando ad accelerare le operazioni, portando più colpi pesanti. Da segnalare, a tal proposito, un gancio destro che ha scosso il giovane Gaballo, che in più di una circostanza ha evidenziato dei chiari limiti difensivi.

La quarta ripresa ha segnato la fine dei sogni mondiali di Gaballo e la vittoria di Donaire: “The Filipino Flash”, dopo essere andato a bersaglio con un destro al corpo che ha fatto vacillare Gaballo per un attimo, ha messo la parola fine all’incontro con un montante sinistro da manuale al fegato che ha fatto inginocchiare lo sfidante, ritrovatosi al tappeto per la prima volta in carriera. Gaballo ha avuto la forza di rialzarsi ma soltanto per un attimo, dopodiché è tornato nuovamente giù, costringendo così l’arbitro a decretare la fine delle ostilità.

Donaire, dopo aver esultato e corso attorno al quadrato, è andato ad abbracciare Gaballo. Un gesto meraviglioso, non insolito in questo sport, che dimostra la nobiltà di spirito che caratterizza questa disciplina meravigliosa. Il veterano atleta filippino del resto si è sempre fatto notare per la sua correttezza e la sua sportività, qualità umane che si affiancano a quelle pugilistiche rendendolo un campione a tutto tondo, meritevole di un posto d’onore nella storia recente del pugilato. Pur avendo già compiuto 39 anni Donaire sta dunque vivendo una seconda giovinezza e in alcuni frangenti appare persino più completo e tatticamente avveduto rispetto a una decina di anni fa, quando era nel prime dal punto di vista atletico. Non resta che augurarci che riesca a mantenere questo stato di forma ancora a lungo vista la spettacolarità dei suoi combattimenti recenti e la bellezza dei suoi micidiali KO.

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X