fbpx

De La Hoya: “Ora Canelo è il pugile A e GGG dovrà aspettare!”

Condividi su:
  • 106
  •  
  •  

Come vi abbiamo raccontato nel nostro resoconto dettagliato di oggi, il pugile kazako Gennady Golovkin, dopo aver battuto per KO il canadese Steve Rolls, ha lanciato in mondovisione la sua sfida al messicano Saul “Canelo” Alvarez per un terzo match tra i due acerrimi rivali che infiammerebbe i tifosi di tutto il mondo. Ad avere voce in capitolo ci sarà naturalmente il CEO della Golden Boy Promotions Oscar De La Hoya che a questo proposito terrà una riunione la prossima settimana con il suo pugile di punta per discutere delle prossime mosse.

Abbiamo visto in azione Canelo il mese scorso, quando si è imposto per decisione unanime al termine di dodici round equilibrati su un ottimo Daniel Jacobs per unificare i titoli mondiali dei pesi medi WBC, WBA e IBF. Il mondo intero vorrebbe rivederlo sul ring contro Golovkin anche e soprattutto in virtù delle controversie che hanno caratterizzato i due verdetti delle prime due sfide, una parità e una vittoria del messicano che hanno fatto storcere il naso a molti e che GGG non ha mai digerito.

Le prime parole rilasciate oggi da Oscar De La Hoya tuttavia sono state una doccia fredda per gli appassionati. Il potente promoter ed ex fuoriclasse del ring ha infatti raffreddato subito gli animi facendo notare il ribaltamento delle gerarchie verificatosi dopo che le cinture mondiali sono passate nelle mani del suo pupillo.

“Lo faremo aspettare”, ha detto DLH a TMZ riferendosi a Golovkin. “Vedremo, ora è il pugile B. Canelo è diventato il pugile A. Penso che Canelo lo eliminerà.”

Alvarez secondo le previsioni dovrebbe combattere a settembre, ma il suo avversario non è stato ancora definito e permangono sul tavolo diverse opzioni per il suo rientro. Una di queste è rappresentata dal campione del mondo dei pesi medi WBO Demetrius Andrade, sempre ammesso che abbia successo nella sua difesa imminente contro il polacco Sulecki. Un’altra possibilità, piuttosto suggestiva, sarebbe un ritorno nella divisione dei supermedi per affrontare il re della WBA Callum Smith.

Golovkin è certamente a sua volta un’opzione percorribile, ma alla luce delle reazioni di oggi, sembra che Canelo e il suo team stiano guardando altre strade e che non prendano in considerazione il kazako nell’immediato.

Supportaci :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X