fbpx

Davison: 50-50, Fury non accetterebbe meno da AJ

Condividi su:
  • 104
  •  
  •  

In questo ultimo anno appena trascorso l’ex campione Tyson Fury (27-0-1) è stato impegnato in un lungo e impegnativo recupero della forma fisica e della solidità mentale.

Al suo fianco in questo percorso gli amici, la famiglia e una figura molto importante che nel cuore del Gipsy King rientra a far parte di entrambe le categorie: il suo allenatore Ben Davison.

A soli 27 anni infatti, questo ragazzo si è reso protagonista di un impresa non da poco. Ha preso un uomo distrutto e lo ha reso nuovamente un campione agli occhi di tutti. Ha realizzato quello che lui e Fury avevano pensato quando si incontrarono per la prima volta poco più di un anno fa.

L’intesa fra loro è la stessa che c’è fra amici di vecchia data e ora che ha conquistato il cuore del campione e quello dei fan di questo sport gli è stato chiesto cosa pensa del recente polverone sollevato dalle questioni di percentuali.

“Quando a scontrarsi sono due campioni l’unica percentuale accettabile è quella 50/50 e Tyson non accetterà di meno.”

L’origine di tutti i mali sembrano essere AJ (22-0-0) e Eddie Hearn che coi loro numeri di magia rallenterebbero la realizzazione di quei match che i fan vorrebbero.

“Il loro problema è che considerano i match come un business. Dipende cosa vuoi ottenere. Se il tuo obiettivo è fare più soldi possibili, ok, combatti fino all’ultimo punto percentuale.”

Le sue considerazioni riguardano anche l’impossibilità di ottenere un campione unico e pensa che il match tra AJ e Wilder sia a rischio “Penso che Joshua voglia quel match ma che il suo team gli dica ‘ok questo è quanto vali tu, questo è quanto vale lui, se il match genera questi profitti tu dovresti guadagnare tot’. Va bene, se questi per te sono solo affari, ma potresti non avere mai quel match. La smetta di vederla così e dia ai fan quello che vogliono!”

Sempre secondo Davison la reputazione di Wilder ne è uscita danneggiata dal suo incontro con Fury perché “Molte persone pensano che Fury abbia vinto. Un eventuale rematch andrebbe fatto nel Regno Unito in un grande stadio. Adesso lui ha bisogno di questo match per ricostruire la sua credibilità come campione.”

Prima del secondo atto con Wilder vorrebbe che Fury affrontasse AJ ed Eddie Hearn ha dichiarato che l’opzione Fury è valida per il 13 Aprile.

Nonostante questo “Non si sono messi in contatto con noi per realizzare questo incontro.”

L’intreccio di questi tre protagonisti della classe regina crea una trama degna di un giallo con Fury che vorrebbe AJ prima di Wilder, Wilder che in primis vorrebbe ancora Fury, AJ che forse prima di esprimersi deve fare un salto dal commercialista.

Può essere che i tre rallentino il processo di unificazione, ma in compenso generano un’euforia che non si vedeva da tempo.

 

 

 

 

 

Supportaci :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X