fbpx

Danny Garcia domina Ivan Redkach ai punti

Nessuna sorpresa ieri sera al Barclays Center di Brooklyn. Danny Garcia (36-2, 22 KO) domina Ivan Redkach (23-5-1, 18 KO) per dodici riprese ottenendo una vittoria unanime. Il giudice Tony Paolillo ha assegnato 10 round a 2 in favore di Garcia (118-110), mentre i giudici Glenn Feldman e Don Trella hanno dato nove round all’ex campione mondiale (117-111).

Un match a senso unico, nel quale il pugile di Philadelphia è riuscito imporsi in maniera chiara, determinato più che mai a portare a casa questa vittoria che potrebbe offrirgli una chance titolata contro Manny Pacquiao (62-7-2, 39 KO), campione WBA dei pesi welter, o Errol Spence (26-0, 21 KO), che possiede le cinture IBF e WBC di categoria.

Garcia, che è già stato campione del mondo WBC nei pesi leggeri e campione WBA e WBC nei superleggeri in passato, era favorito dai principali bookmakers 25 a 1. Ed il ring non ha fatto altro che confermare i pronostici mostrando una competizione quasi unilaterale e che ha regalato pochissime emozioni agli spettatori.

Dopo un primo round senza colpi significativi, Garcia ha trovato un ottimo montante destro mentre il suo avversario indietreggiava. Ma il pugile statunitense ha avuto problemi a trovare Redkach con colpi puliti per tutta la terza frazione.

Nella quarta ripresa il primo scossone per il pugile ucraino che ha subito un destro devastante che lo ha fttoa vacillare visibilmente. Garcia ha continuato ad attaccare il corpo di Redkach sin dal quinto round, con il fighter ucraino che ha subito in maniera passiva le offensive.

Garcia ha inchiodato Redkach con un destro devastante nel corso nella settima frazione a pochi secondi dalla campana, suonata in tempo per salvare Redkach da una punizione maggiore. L’ottava è trascorsa a distanza ravvicinata, con l’ucraino che ha invitato Garcia a farsi avanti in più di un’occasione.

La nona ripresa è iniziata invece con il controllo del medico della commissione atletica dello stato di New York che ha ispezionata una ferita del pugile ucraino. Dopo l’ok del direttore sanitario, Garcia ha continuato il suo lavoro di demolizione al corpo del suo avversario.

Redkach ha mostrato poi una notevole iniziativa e prontezza di riflessi negli ultimi tre round, ma Garcia aveva ormai il controllo completo dei cartellini, quindi era quasi impossibile per Redkach aggiudicarsi il match, se non trovando il colpo della domenica.

Un match sostanzialmente facile per “Swift” nel quale Redkach è stato poco più di uno spettatore. Il pugile ucraino era arrivato a questo incontro dopo l’ottima vittoria contro Devon Alexander in appena sei round, grazie al colpo risolutore trovato mentre era indietro su  tutti i cartellini. Tuttvai forse il pugile ucraino non era pronto a confrontarsi con un pugile esperto come Garcia.

Condividi su:
  • 102
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X