fbpx

COVID-19: Khan presta il suo edificio di Boston. “Può ospitare fino a 4000 posti letto”

L’ex campione del mondo Amir Khan si è offerto di prestare il suo edificio, di più di 5.500 metri quadrati di Bolton alla National Health Service per aiutare a combattere l’emergenza sanitaria in corso. Una struttura che potrebbe contenere fino a 4.000 posti letto e che dunque potrebbe contribuire a curare l’emergenza. Al momento sono più di 500.000 le persone colpite dal coronavirus COVID-19 in tutto il mondo e oltre 21.000 i morti.

In pratica io ho un edificio di circa 5.570 metri quadrati che dovrei trasformare in un centro commerciale ed anche in una sala ricevimenti per matrimoni e conferenze, è nel centro della città di Bolton. Allora ho deciso, prima che iniziano a lavorare al suo interno per questo, che non mi dispiacerebbe dare questo posto al SSN e dirgli ‘Venite e usate l’edificio’. In questo modo potrebbe aiutare tutte le vittime che hanno il coronavirus perché vedo e leggo che gli ospedali stanno mandando via delle persone per mancanza di posti“, ha dichiarato Khan a TalkSport.

“Ci sono molte persone che hanno bisogno di aiuto. Non ci sono abbastanza letti, quindi sarei felice di prestare il mio edificio. Ci sarebbero circa 3.000 o 4.000 posti letto che potrebbero essere d’aiuto. Il mio team sta parlando con il SSN locale e speriamo di ottenere una risposta entro i prossimi due giorni.

Sono pronto ad aiutare. È iniziato tutto sui miei social media, grazie al mio profilo Twitter. Ho deciso di mandare il messaggio dicendo che mi piacerebbe aiutare e fare la mia piccola parte. Il motivo per cui voglio farlo è perché in questo modo teniamo le vittime che hanno il virus in quell’unico edificio invece di rischiare altri contagi, visto che è facile da diffondere. Prima che peggiori, lasciatemi almeno provare ad aiutare la comunità il più possibile”.

Intanto Khan, che non sale sul ring dal luglio 2019 da quando ha fermato prima del limite Billy Dibb e che aveva in programma di combattere almeno due volte nel 2020, ha dovuto annullare i suoi piani per via dell’evoluzione di questa pandemia e è in attesa di poterli riformulare.

Condividi su:
  • 1.6K
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X