fbpx

Shields disposta a riaffrontare la Marshall: “Il co-main event di Fury-Joshua!”

La campionessa indiscussa dei pesi superwelter Claressa Shields vorrebbe affrontare quella WBO dei medi Savannah Marshall e che la loro sfida faccia da co-main event all’incontro tra Anthony Joshua e Tyson Fury.

La T-Rex di Flint può vantare una carriera pugilistica formidabile: il suo primo titolo iridato (il WBC dei supermedi) è arrivato al quarto match; al quinto ha riunificato la sua cintura con quella IBF della stessa categoria; al sesto ha aggiunto alla sua collezione altri due titoli nella seconda categoria di peso (IBF e WBA dei pesi medi); dopo il nono incontro era già la campionessa indiscussa delle 160 libbre; lo scorso anno ha esplorato poi una nuova divisione di peso, quella dei superwelter e, dopo aver conquistato il WBC e Il WBO, ne è diventata la regina assoluta battendo l’ex campionessa canadese Marie Eve Dicaire. Dunque dopo undici sfide il suo record è immacolato, il suo palmares è costellato di trofei e conquiste che hanno infranto numerosi record. A questo si aggiungono i suoi 77 incontri vinti da dilettante e le due medaglie d’oro olimpiche di Londra 2012 e Rio de Janeiro 2016, oltre a tutte quelle conquistate nei vari tornei internazionali. Tuttavia c’è un unico “neo” che la “afligge” o meglio che le viene sempre rinfacciato dalla gente: quell’unica sconfitta subita all’età di diciasette anni proprio per mano della pugile inglese.

La Shields sarebbe quindi lieta, una volta per tutte, di ripulirsi da questa macchia: “Mi piacerebbe affrontare Savannah. Anthony Joshua e Tyson Fury combatteranno due volte e mi piacerebbe che io e Savannah fossimo il co-main event. Potremmo batterci per tutti i titoli mondiali delle 160 libbre. È una sfida che vincerei sicuramente quindi sarebbe fantastico farlo su un palcoscenico mondiale. Mi sono ripresa bene da quella sconfitta, vincendo due Olimpiadi, diventando poi professionista e dimostrandomi eccezionale, ecco perchè questa sfida sarebbe enorme. Sarà una sfida combattuta colpo su colpo? No. Sarei dominante come lo sono contro ogni altra pugile; anzi probabilmente con lei lo sarei di più perchè parla così tanto e voglio picchiarla: lei è brava, io sono grande. Questo incontro infatti viene considerato solo per questo, se non avessi tutte queste medaglie d’oro olimpiche e questi riconoscimenti, nessuno si preoccuperebbe di una sfida tra me e Savannah”, le sue parole a Sky Sports.

Dal canto suo però anche la Marshall durante il suo percorso sportivo ha messo in mostra grandi doti, che le sono valse il soprannome di “Silent Assassin”, ha vinto molto da dilettante e ha conquistando già un mondiale da professionista (che sta per difendere il 10 aprile contro Femke Hermans). Rivederle uno contro l’altro sicuramente avrebbe il suo fascino.

Salita: “Claressa Shields vs Katie Taylor, sarebbe un mega evento per la boxe femminile”

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X