fbpx

Chavez Jr: “Jacobs è un combattente sporco: non sono finito, abbiamo chiesto la rivincita”

L’ex campione WBC dei pesi medi, Julio César Chávez Jr. deve trascorrere almeno sei settimane di totale riposo, dopo aver subito un intervento chirurgico per riparare alcune fratture al naso subite durante il match contro Daniel Jacobs avvenuto lo scorso weekend. Inoltre la ferita sull’arcata sopraccigliare sinistra ha richiesto ben 10 punti di sutura.

Difatti il pugile messicano sul ring della Talking Stick Resort Arena di Phoenix sabato, è stato costretto alla resa dopo sole cinque riprese. Le difficoltà respiratorie a causa del naso rotto lo hanno obbligato a chiedere all’arbitro di interrompere l’incontro poichè non era più in grado di proseguire. I fan accorsi al palazzetto, che erano principalmente lì per supportare Chavez Jr, visto il suo ritiro, hanno inveito contro il messicano con insulti e lancio di oggetti, ma la ragione del figlio d’arte di Culiacan più che valida.

“Ho subito una frattura e quattro micro-fratture, più 10 punti; tra sei settimane posso tornare a fare sparring. Sento di aver combattuto bene, stavo vincendo l’incontro, Jacobs aveva paura della mia potenza ed è quando ho iniziato a entrare con i colpi che mi ha preso con la spalla e i suoi gomiti. Mi ha tagliato con un gomito e ho iniziato a sanguinare molto, non riuscivo a vedere da quell’occhio e poi mi ha colpito con la spalla il naso. Non ho ancora rivisto il tutto, ma credo che sia stato così, e poi è arrivato lo scontro di teste che mi ha fatto esplodere il naso e non sono stato più stato in grado di respirare.

Con tutto il dovuto rispetto per lui, ma Jacobs è un combattente sporco, non mi ha permesso di combattere. Gli ho fatto male nel corso del quinto round, ma poi mi sono tagliato. Abbiamo chiesto una rivincita, non so se potrà accadere. E a tutti quelli che dicono che sono finito, ricordo che non lo sono!”.

A pensarlo anche il presidente del WBC Mauricio Sulaiman: “Julio César Chávez Jr. ha preso una decisione difficile e ha affrontato un combattente d’élite, invece di un avversario più modesto, come è invece molto comune fare. Danny Jacobs, due volte campione del mondo. Il pubblico di Phoenix ha riempito l’arena e l’atmosfera è stata elettrizzante, Julio ha combattuto molto bene, la migliore sua performance che abbia mai visto in molti anni, ma sfortunatamente ha subito una terribile frattura al naso, che lo ha costretto ad abbandonare la sfida”.

 

Condividi su:
  • 141
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X