fbpx

Ceglia, che Colpo! È il nuovo Campione EBU EU

Gianluca Ceglia si laurea Campione EBU dell’Unione Europea dei pesi leggeri. Battuto il veterano Pasquale Di Silvio in trasferta a Roma. Il ragazzo di San Valentino Torio si prende la rivincita con se stesso dopo quasi un anno dalla prima sfida con il romano.

Il Palaboxe Aurelio Santoro registra il tutto tutto esaurito in occasione della rivincita per il titolo EBU UE dei pesi leggeri. Buccioni replica il pienone a distanza di una settimana con una riunione di tutto rispetto, e il pubblico di Roma risponde presente ancora una volta.

La prima sfida tra i due, a San Marzano al Sarno di quasi un anno fa, si era conclusa con un verdetto pari che aveva premiato il pugile di casa sulla parte finale del match, mentre Di Silvio, dopo il dominio della fase cauta, non si era risparmiato nel finale resistendo bene alle bombe del Campano.

Il trentanovenne romano inizia il primo round mostrando un ottimo gioco di gambe, con continui spostamenti sul lato ed un buon lavoro di jab, mentre Ceglia sceglie una linea più tecnica caricando solo colpi essenziali. A metà del primo round, in un clinch, Ceglia trova una combinazione di ganci che si stampano sul volto del Puma. Il gancio destro anticipa un potentissimo gancio sinistro che fa crollare Di Silvio al tappeto. Dopo il conteggio, il romano subisce il ritorno di Ceglia ma riesce ad assorbire colpi potentissimi. Il secondo ed il terzo round premiano ancora una volta il campano, che continua a sorprendere Di Silvio al volto con bordate che gli fanno tremare più volte le gambe. Pasquale Di Silvio, non riesce a riprendere il filo del match, e Gialuca Ceglia continua a martellare colpi su colpi. Ha il match in pugno, ma il pubblico romano continua ad incitare il paladino di casa: …Puma, Puma, Puma…

Il maestro Massai, suona la sveglia, e Di Silvio risponde presente. Il ritmo inizia a calare, adesso le gambe si muovono meno, anche i colpi di Ceglia iniziano a pesare di meno, ma fanno ugualmente male, la testa si scuote ad ogni gancio, ad ogni diretto, ma nel finale un diretto destro seguito da un montante e poi ancora un gancio ed un diretto in uscita sorprendono il Campano rimane destabilizzato dal ritorno del romano. La crisi è amplificata della ferita che Ceglia riporta subito dopo uno scontro fortuito tra le teste dei due. La continuità dei colpi inizia a portare i suoi frutti e Ceglia, pare abbia perso fiducia nei propri mezzi.  Nel quinto round, nonostante lo zigomo gonfio e i tagli alle sopracciglia, il trentanovenne Di Silvio sembra essere rinvigorito dal finale del quarto round e dai consigli nel minuto seguente.

La foga del campano sembra essersi placata e Di Silvio cerca di ritornare sui suoi ritmi, prende il centro del ring mentre Ceglia inizia ad arretrare provando a contrattaccare alle continue azioni del romano. Diretto destro, gancio sinistro, Ceglia è al tappeto, il pubblico s’infiamma, l’arbitro conta, suona la campana. Nel sesto round parte fortissimo Di Silvio, che vuole riportare il match in parità per giocarsi le cartucce migliori nel finale. Prende subito il centro del quadrato ed inizia a portare Ceglia da una parte all’altra del ring. Pasquale si muove come un ragazzino, e colpisce da veterano. Gianluca prova a replicare, ma ancora non ha recuperato l’atterramento del round precedente. Di Silvio, parte motivato anche nel settimo round, ha ancora tanto fiato nei polmoni, e le gambe iniziano a muoversi da sole. E’ nel momento migliore del match, quando al secondo minuto arriva un diretto destro d’incontro al mento. Di Silvio crolla tra le corde, gli occhi persi nel vuoto, le urla del Pala Santoro di Roma, le gambe rigide. Pasquale di Silvio è al tappeto, tenta di reggersi alle corde. Gianluca è all’angolo neutro, aspetta la fine del conteggio, ha capito che questa volta El Puma non riuscirà a rialzarsi. Nove, dieci, l’arbitro incrocia le braccia in aria. E’ KO. E’  finita.  Gianluca Ceglia è il nuovo Campione EBU dell’Unione Europea dei pesi leggeri. Qualche attimo dopo, quando Pasquale riesce a rialzarsi, Ceglia corre verso di lui per abbracciarlo e rendergli il giusto tributo.

 

Nei sottoclou della serata, Falcinelli vince ai punti, dopo essere andato al tappeto al terzo round, sul Georgiano Gvinialshvili; Pari per Guainella e Gabisonia, Pari anche per i leggeri Carpentieri e Spadaccini, mentre vince il medio Lupparelli per KO ai danni del siciliano Ignazio Di Bella.

Condividi su:
  • 202
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X