fbpx

Canelo severo con Ryan Garcia: “Sta sprecando il suo talento!”

La carriera del talentuoso peso leggero californiano Ryan Garcia stava procedendo alla grande e aveva raggiunto il suo culmine a gennaio con la bella vittoria per KO ottenuta ai danni del valido contender Luke Campbell, ma da allora sembra essersi arenata. Prima i problemi di ansia e depressione, poi l’infortunio alla mano con conseguente intervento chirurgico hanno posto un freno all’ascesa di King Ry e qualcuno ha iniziato a dubitare della forza mentale e dell’attitudine al sacrificio del popolarissimo pugile americano. Ora questi sospetti sembrano aver trovato conferma nelle parole del suo compagno di allenamento Saul “Canelo” Alvarez che in un’intervista rilasciata a Complex è stato piuttosto severo:

“Sentite, Ryan ha molto talento. Ma per me, ai miei occhi, sta sprecando un sacco di tempo e sta sprecando il suo talento. Lo osservo e non lo vedo impegnarsi al 100% e questo per noi è un brutto segno. Noi come squadra gli diciamo sempre di venire in palestra, di allenarsi e di imparare perché hai bisogno di stare in palestra. Impari giorno dopo giorno, combattendo come minimo cinque volte all’anno. Quando ero all’inizio della mia carriera ho fatto 15 combattimenti in un anno. Ecco cosa facevo a inizio carriera. Quindi ha decisamente bisogno di impegnarsi di più”.

Le dichiarazioni del fuoriclasse di Guadalajara risultano ancora più significative se si pensa che in passato Canelo era stato prodigo di complimenti nei confronti del suo giovane collega, pronosticando per lui un futuro sportivo radioso e ricco di soddisfazioni, il che lascia pensare che ultimamente l’approccio di Garcia sia effettivamente mutato.

King Ry è diventato famoso ben prima che le sue imprese sul ring giustificassero l’enorme esposizione mediatica di cui è stato protagonista. Un gran ruolo in questo senso lo hanno avuto i social network, mediante i quali Garcia è riuscito a costruirsi un seguito impressionante, ammaliando ammiratori di ogni parte del mondo con il suo bell’aspetto e con la sua spettacolare velocità di esecuzione sfoderata in allenamento. I difetti tecnici evidenziati nel corso dei suoi esordi nel professionismo come la rigidità sul tronco, il mento troppo alto e la difesa approssimativa passavano dunque in secondo piano agli occhi dei suoi tifosi, convinti di aver individuato in lui un predestinato.

Occorre comunque dare atto a Garcia di essersi impegnato duramente in allenamento per correggere le imperfezioni del suo stile e di essersi meritato, match dopo match, i complimenti e gli elogi di molti addetti ai lavori, raggiungendo l’apice del suo rendimento all’inizio di quest’anno, quando si è imposto prima del limite Luke Campbell, impresa che non era riuscita a pugili fortissimi come Jorge Linares e Vasyl Lomachenko. Ora qualcosa nell’animo del ragazzo di Los Angeles sembra essersi spezzato e soltanto il tempo ci dirà se la sua ascesa sportiva potrà riprendere al ritmo di prima.

Intervento riuscito per Ryan Garcia: “È un brutto capitolo, ma non la fine del mio libro”

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X