fbpx

Gomez sul ritorno di Canelo: “Discuteremo con lui e DAZN per una sfida a porte chiuse”

Il team di Saul “Canelo” Alvarez sta prendendo in considerazione l’ipotesi di far combattere la loro stella a settembre a porte chiuse. Il fuoriclasse messicano era pronto a tornare sul ring il 2 maggio contro Billy “Joe” Saunders ma, come per il resto degli eventi in programma, l’incontro è stato rimandato a causa della pandemia da Covid-19 che ha messo in ginocchio l’intero pianeta.

In questo momento, la Golden Boy Promotions, in attesa di conoscere le decisioni che verranno prese per quanto riguarda lo svolgimento delle attività pugilistiche, sta pensando di combattere a porte chiuse, seguendo l’esempio dell’UFC. Una decina di giorni fa, infatti, l’UFC è ripartita senza pubblico: John Ourland, giornalista del Sports Business Daily, ha riferito che ESPN + ha fatto registrare oltre 700000 acquisti pay-per-view.

Ne discuteremo e inizieremo a parlarne con Dazn, Canelo e con tutti i soggetti coinvolti – ha dichiarato ad ESPN il presidente della Golden Boy Promotions, Eric Gomezse Canelo dovesse accettare la proposta e si farà trovare pronto, allora possiamo realizzare questa cosa. Ciò che conta è che Canelo sia disposto a farlo, poi procederemo“.

Nessuno sa ancora come si evolverà la situazione e se e quando sarà possibile quest’anno tornare a combattere davanti ad un grande pubblico. Dunque se i grandi nomi del panorama internazionale vorranno evitare il rischio di prolungare troppo la loro inattività, probabilmente finiranno per cedere ad un’arena vuota anche loro.

Chris Mannix e Sergio Mora hanno dichiarato che Canelo dovrebbe essere già pronto a combattere a porte chiuse. In particolare, secondo Mora, Canelo non avrebbe altra scelta: “Canelo non avrà altra scelta – ha detto l’ex campione WBC – il pugilato sta spingendo ogni pugile a motivare se stesso all’idea di combattere in un’arena vuota. Vogliamo tornare a lavoro e al business. Anche le superstar dovranno brillare in arene vuote.

Sta guadagnando un sacco di soldi, milioni di dollari. Avrà forse la decisione più semplice. È qualcosa che farebbe non tanto per il denaro ma per i suoi obblighi, non solo con la rete e DAZN, ma anche con i suoi fan. Maggio e settembre sono due date importanti per i messicani, messicano-americani, latino-americani e gli appassionati di boxe. Abbiamo bisogno di pugilato e abbiamo bisogno della superstar n. 1″.

Secondo Mannix, invece, Canelo non deve necessariamente prendere una decisione in questo momento, anche se, a suo parere, è il caso di prenderla in considerazione: “Sono dell’opinione, in gran parte basata su ciò che hanno detto gli esperti in medicina, che probabilmente il pubblico non potrà assistere agli incontri fino alla fine dell’anno se non fino al 2021. Se sei Canelo, sei abituato a combattere di fronte a grandi folle, lo hai fatto per gran parte della tua carriera, ma devi anche iniziare a pensare che se vuoi combattere a settembre dovrai farlo a porte chiuse“.

Canelo, campione anche fuori dal ring: donati 950 kit ai medici. All’asta il suo guantone

Condividi su:
  • 104
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X