fbpx

Canelo: aperto a sfide sempre più grandi, anche nei mediomassimi?

Condividi su:
  • 50
  •  
  •  
  •  

Il prossimo 4 Maggio Saul Canelo Alvarez salirà sul ring della T-Mobile Arena di Las Vegas per sfidare Daniel Jacobs in quello che si preannuncia come un match di unificazione dall’altissimo contenuto tecnico e agonistico.

Ma il pugile messicano non vuole porsi limiti. L’obiettivo è quello di divenire il primo campione messicano dei medi a detenere tutte le quattro cinture principali. Per farlo dovrà però prima sconfiggere il Miracle Man, quindi mettersi in scia per il mondiale WBO, in possesso di Demetrius Andrade. La qual cosa potrebbe essere agevolata dal fatto che entrambi sono uomini della “scuderia” DAZN.

“Questo è quello che intendiamo fare quest’anno, se tutto sarà sistemato, se tutto andrà bene a Maggio, è quello che intendiamo fare quest’anno, essere il campione delle quattro organizzazioni.
Siamo su quella strada, tutto può cambiare, prima è (Jacobs) e poi sarà a Settembre. Siamo molto felici e concentrati su questo combattimento del 4 Maggio, è un match complicato, ma è l’incontro che vogliamo e si spera tutto vada come vogliamo”, ha dichiarato Alvarez.

Dovesse riuscire nell’impresa, Canelo potrebbe rivolgere lo sguardo ai supermedi.
Solleticato però da un intervistatore, a esplicita domanda su di un suo eventuale tentativo di conquista di una cintura nei mediomassimi, magari contro Kovalev, ha così risposto:

“Non escludiamo la possibilità (di combattere a 175 libbre). In questo momento abbiamo altre cose in mente, ma esiste la possibilità. È una grande sfida, ma è il tipo di cose che mi piacciono, conosco Kovalev da quando avevo 20 anni, e perché no, potremmo fare un incontro tra noi e mi piacciono queste sfide, c’è la possibilità di organizzare questo match.”

Riguardo invece ad un suo eventuale match fuori dagli States, il pugile pare essere possibilista:
“Guarda, ho sempre amato la possibilità di poter andare in Inghilterra o Tokio, in Giappone, mi piace molto l’idea di andare in alcuni di quei luoghi o in qualsiasi altra parte del mondo dove le persone mi seguono. Ci sono persone a cui piace la boxe, mi piacerebbe esibirmi lì e ho sempre avuto la mentalità di andare in quei posti.”

In Inghilterra Canelo avrebbe diverse opzioni a sua disposizione per un eventuale match: Billy Joe Saunders, Kell Brook, Chris Eubank Jr., Callum Smith e altri. Incalzato a riguardo, ha così risposto: “In Inghilterra ci sono molti combattenti molto bravi, fanno buoni incontri e mi piacerebbe moltissimo”.

Ovviamente il Messico rimane sempre tra le sue priorità, sebbene a farla da padrone siano gli interessi economici: “Niente è complicato, ancor meno nel mio paese. Venire nel mio paese è sempre un onore. Semplicemente, dobbiamo solo essere d’accordo su molte cose, ci sono molti interessi televisivi, molte cose, ma per me è sempre un onore combattere (in Messico), e si, c’è una possibilità. Non ho mai avuto una conversazione approfondita sull’argomento… Non ho ricevuto alcuna proposta… Ma combattere in Messico è una possibilità e mi riempirebbe d’orgoglio.”

Canelo non combatte in Messico dal Novembre 2011, quando mise ko Kermit Cintron.

Supportaci :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X