fbpx

Burnett torna con una vittoria e punta alla rivincita con Donaire

Condividi su:
  •  
  •  
  •  

Sei mesi dopo che un infortunio alla schiena lo ha costretto ad abbandonare il suo titolo, Ryan Burnett è tornato sul ring.

Venerdì sera all’Ulster Hall di Belfast, nell’Irlanda del Nord, l’ex campione dei pesi gallo è tornato alla vittoria fermando il filippino Jelbirt Gomera in appena sei round.

Un colpo a corpo ha causato a Gomera un sussulto di dolore. Il filippino ha cercato in maniera truffaldina di segnalare all’arbitro che fosse un colpo basso. Ma il giudice John Latham non ne ha visto nulla del genere, fermando il match appena superato il secondo minuto del sesto round.

Nonito Donaire, l’uomo che ha spodestato Burnett dal trono mondiale, era seduto al bordo ring ad assistere al match. L’inglese era desideroso di tornare a vincere per poter avere una rivincita per il titolo mondiale. Burnett ha dichiarato alla fine del match su ESPN“Mi sentivo un po’ arrugginito sul ring, mi ci è voluto un po’ per chiudere il match”.

Certamente non ha mostrato tutto il suo repertorio, con Gomera più che semplice spettatore. Burnett è apparso completamente guarito dall’infortunio alla schiena, accusato durante il match delle WBSS contro Donaire lo scorso novembre che lo portò al ritiro.

Burnett ha continuato ai media inglesi: “Penso che sarò competitivo per chiunque in questa nuova categoria di peso. Non ero l’avversario forte come volevo, ma è un percorso. È un lungo cammino che sono disposto a percorrere per tornare grande. 

Donaire è un veterano furbo, non sono riuscito a finire il mio lavoro con lui. Mi piacerebbe rivederlo sul ring di Belfast e mi piacerebbe una rivincita”.

Un match che però non può aver luogo prima del prossimo anno visto che Donaire è arrivato in finale nelle WBSS. Torneo che vedrà svolgere la semifinale questo sabato, dove si scontrano Emmanuel Rodriguez e Naoya Inoue. Il vincitore ovviamente sfiderà Donaire per determinare il nuovo campione mondiale unificato dei pesi gallo.

Supportaci :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X