fbpx

Kell Brook domina uno spento Amir Khan in appena sei riprese

Anni di sfide, Anni di trash talking, il derby inglese tra Kell Brook e Amir Khan diventa l’ultima chiamata per entrambi. Ultima chance per il vincitore di tornare in auge, ultima fermata per il perdente che potrebbe accontentarsi della carriera avuta.

L’ultima fermata sembra essere per Amir Khan, che dopo due anni di inattività, si arrende alla sesta ripresa, dopo una punizione durissima. Il brillante, rapido e fulmineo Amir Khan sembra lo spettro di quello salito sul ring ieri sera.

Più che uno spettro un ombra, che palesa l’inevitabile conclusione di un percorso di un atleta che non è più ai livelli passati. Brook si aggiudica il match alla Manchester Arena dopo sei riprese dove ha dominato in lungo e in largo. Una chiara prestazione di forza, dove ha dimostrato ai dubbiosi di poter tornare sul ring da protagonista.

Kell Brook inizia il match controllando le distanze, gestisce tempi e ritmo a suo piacimento. Khan purtroppo non è mai riuscito a diventare decisivo nel corso delle poche riprese disputate. I jab di Kell Brook hanno segnato sin dalle prime riprese l’occhio sinistro di Khan che non è riuscito a sfruttare a pieno la sua mobilità.

La solita velocità di braccia di Khan era decisamente asincrona. Non è mai riuscito ad arginare il suo avversario, anzi ha fatto fatica a comprendere gli spazi opportuni per gestire l’incontro. La lontananza dal ring si è fatta sentire.

Col procedere delle riprese il ritmo di Brook diventa incessante, come una belva affamata bracca il suo rivale lo chiude alle corde per poi piazzare colpi decisi e molto potenti. Con il passare del tempo il match diventa una punizione per Amir Khan, interrotta dall’intervento dell’arbitro che vedendo la difesa passiva del pugile inglese decide di interrompere la contesa. Victor Loughlin, arbitro dell’incontro, interrompe giusto in tempo il match, che stava sfociando in una punizione proibitiva.

Una vittoria importante per Kell Brook che si candida ad un ruolo da protagonista nei super welter. Difficile capire se l’inglese potrà arrivare ad impensierire i campioni di categoria che presto riunificheranno la categoria. Amir Khan si arrende all’inevitabile divario tecnico con il suo avversario, il tempo e l’inattività ha decisamente segnato inevitabilmente il suo declino, che pare possa precludergli ulteriori exploit nel pugilato mondiale.

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One comment

  • Pier Paolo Gangemi

    Ottimo match di Brook dopo la dura punizione subita da Crawford. Mi piacerebbe vederlo contro jermell Carlo o contro Tsziu nei superwelter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X